giovedì 12 gennaio 2017

Pafos, Cipro: Capitale della Cultura Europea 2017

Quest'anno una delle due capitali della cultura europea è Pafos/ Paphos nell'isola di Cipro. Una località poco nota in Europa anche perché geograficamente lontana, l'isola di Cipro è più vicina alla Turchia alla Siria e al Libano, è il paese dell'Europa più vicino all'Oriente.
A Cipro la città di Pafos è all'opposto geografico della capitale Nicosia, da cui dista circa 150 km e dalla zona turisticamente più nota di Cipro di Larnaca.
Non per questo la città di Pafos è poco interessante anzi rappresenta la Storia Antica di Cipro che è anche storia dell'Europa e dell'Umanità.

Da Afrodite all'apostolo Paolo
Ci sono le testimonianze di circa 8.000 anni di storia, dall'età della pietra, all'età ellenistica, età romana, al periodo Bizantino, il periodo dei Cavalieri Templari, il periodo della Serenissima, il periodo Ottomano al Protettorato inglese fino ad oggi.
La Casa di Dionisio
Molti dei monumenti più antichi si trovano al'interno dell'Area Archeologica di Kato Pafos, la maggior parte dei resti risalgono al periodo romano, grande fama hanno i pavimenti a mosaico di quattro ville romane, conosciuti come la Casa di Dionisio, la Casa di Teseo, la Casa di Aion, la Casa di Orfeo, sono la testimonianza di un'antica tecnica d'arte molto raffinata che si era sviluppata a Pafos.
Afrodite
Nell'antica Grecia, la città di Pafos era nota come il luogo dove, secondo la tradizione che si rifà alla Teogonia di Esiodo, nacque anzi emerse dal mare Afrodite, la dea dell'Amore, della Bellezza e della Fertilità. Secondo il racconto classico, la nascita fu provocata dalla spuma marina, frutto del seme del membro di Urano evirato da Kronos, mischiato con l'acqua del mare.
Il percorso di San Paolo
Pafos è il luogo dopo la Terra Santa dove il cristianesimo ha messo radici fino dall'inizio della sua diffusione. Gli apostoli Barnaba e Paolo e l'evangelista Marco, hanno predicato nel distretto di Pafos e in tutta Cipro, ponendo le basi del cristianesimo. A testimoniarlo sono il numero di chiese, cappelle e monasteri che più di ogni altro luogo ha offerto nel corso dei secoli le condizioni ideali per la preghiera, l'isolamento e la vita monastica, come testimoniano la vita dei santi San Gennadios (5 ° secolo dC). San Agapitikos (Santo di amore) nel vicino al villaggio di Arodhes.
A testimonianza della fede anche i monasteri di Agios Neophytos fondata dal Santo nel 1170 e Panagia Chrysorroyiatissa monastero si trova nei pressi del villaggio di Panagia, secondo la tradizione fu fondato nel 12 ° secolo, quando l'icona della Vergine Maria è stata portata da un monaco dalla Terra Santa.

Pafos Turismo Lento 2.0
La città affonda le sue radici nella Cultura Europea, ma è anche un luogo organizzato capace d'offrire una vasta gamma d'alternative turistiche.
Percorso di Trekking sull'isola
Per chi ama andare a piedi, c'è un percorso che fa parte delle rete E4 che da collega Larnaca e Pafos, un percorso di trekking da fare in otto giorni, parte dal Monastero Agios Georgios Kapourallis e finisce a Pafos. 
Escursioni di trekking
Nei pressi di Pafos ci sono due percorsi affascinati chiamati Adonis trail e Afrodite trail che ricalcano la storia d'amore tra Adone e Afrodite che permettono di scoprire una Cipro naturalistica ricca di testimonianze storiche e ambientali all'interno dello scenario della zona di Akamas. a Nord di Pafos, composto da una grande quantità di fiori selvatici tra cui delle magnifiche orchidee e il tulipano rosso selvatico, da non perdere il piccolo paese di Koulia con un area archeologica minore per grandezza ma non per le testimonianze del passato.
Una visita come luogo storico e di preghiera sempre in zona ma a un'ora di distanza lo merita il Monastero Kikkos sui Monti Troodos con dei meritevoli mosaici, affreschi e una ricca collezione di icone.
Wine Tour, i percorsi del vino 
Per gli appassionati del vino segnalo la possibilità di scoprire l'ottima produzione di vino, non per nulla nell'antichità la zona era rinomata come la casa di Dionisio cioè la casa di Bacco. 
Il vino più famoso è sicuramente il vino da dessert "Commandaria" conosciuto ed apprezzato dai Crociati tra cui Riccardo Cuor di Leone. 
Ci sono tante piccoli cantine artigianali che producono un vino di qualità nella zona di Kathikas le Cantina Sterna Winery e Vasilikon, non perdetevi visita a Pano Panagia al Monastero di Chrysorrogiatissa dove oltre alla preghiera si coltiva l'uva e si produce vino in una delle cantine storiche dell'isola.
Per chi invece vuole scoprire posti inediti della coltivazione della vite segnaliamo la strada del vino n.3 della Diarizos Valley che da Pafos porta verso l'interno dell'isola.

Cosa mangiare a Cipro:
Si parla e si mangia greco a Cipro con qualche piccola variante dovuta alla diverse immigrazioni dalla Siria, Libano, Turchia, Armenia è un isola agricola Cipro per cui si possono trovare tutto l'anno delle ottime verdure fresche, legumi freschi (fave, fagioli e ceci), agrumi, olive, tra le specialità sicuramente un posto lo merita Halloumi, il formaggio di capra, i metze una serie d'antipasti che variano con la stagionalità, dall'Hummus al Tzatziki, ai piatti di pesce come il polpo al vino rosso, i calamari ripieni. Autentiche specialità sono i street food da mangiare in maniera informale dalla torta di formaggio ai spiedini a qualsiasi ora del giorno.  
Pafos, Capitale della Cultura Europea
Grandi aspettative nel programma per tutto l'anno, musica, arte, cinema, l'inaugurazione avverrà il 28 Gennaio, tante mostre fotografiche dai temi molto interessanti come Malta e Cipro, confronto di due località del Mediterraneo, tutti i mesi gli eventi cambiano suggerisco di dare un occhiata al sito Pafos2017.
Quando andare?
Recatevi a Pafos (Cipro) in primavera, la temperatura è molto piacevole, durante l'inverno sulla costa e difficile scendere a 16° un giusto anticipo per la bella stagione.
Come arrivare a Pafos: Recarsi in aereo, non facilissimo il collegamento più diritto e quindi più comodo è dall'Italia il volo Ryan Air Roma Ciampino Pafos, due volte alla settimana,. ci sono più compagnie aeree ma che prevedono più scali.
Dove alloggiare a Pafos: Anemi Apartment in centro della città, Agrotourism strutture agrituristiche nei villaggi intorno a Pafos per una vacanza all'insegna della tranquillità e del relax, se invece vi piacciono gli hotel esclusivi un ottima scelta è Anassa Hotel
Come muoversi a Pafos senza auto: c'è un sistema d'autobus di 16 linee che collega Pafos con l'aeroporto e con le principali località del distretto informazioni presso Pafosbuses, per i collegamenti con le altre località dell'isola come Nicosia potete trovare informazioni su Intercity Buses, ci sono con Nicosia nove collegamenti giornalieri.

Per saperne di più: Pafos2017, Turismo Cipro Visit Cyprus

giovedì 5 gennaio 2017

Nizza, anno nuovo vita nuova, la passione degli agrumi

Non parliamo di Nizza da questa estate, c'era bisogno di un lasso di tempo per metabolizzare quello accaduto il 14 Luglio scorso.
La città si presenta al nuovo anno con una rinnovata empatia, tutti concentrati a garantire sia la sicurezza che la spensieratezza, nulla è stato interrotto si riprende con un altro anno.

In questi giorni e per i prossimi fine settimana quello che attira i turisti in Costa Azzurra è la temperatura molto mite, mentre da noi e inverno è c'è la neve in costa azzurra le temperature sono miti e i giardini sono ricchi di fiori.


Fino all'Epifania c'è il villaggio di Natale si cerca di portare il sapore della neve a Nizza, ricorso che a un'ora da Nizza sulle Alpi Marittine ci sono le stazioni invernali di Auron. Isola 2000 e Valberg.
8 Gennaio ha luogo la Prom Classic la prima corsa dell'anno di 10 km nel centro della città.
dal 11 al 26 febbraio il Carnevale di Nizza


Quello che piace fare a tutti i turisti è camminare o correre sulla Promenade a piedi o in bicicletta oppure più semplicemente stare seduti per delle ore sul lungomare ad osservare il mare e nei giorni di sole approfittare per prendere i raggi di sole che regala l'inverno.
Ricordate di fare un salto al mercato di Cour Saleya dove il mercato offre il meglio dei prodotti locali come gli agrumi, limone, clementine, arance e le verdure invernali come le blette, quelle che noi chiamiamo erbette ingrediente principale della tarte de blettes, nelle due versioni salata e dolce.


Se siete interessati agli agrumi : delle belle piante d'agrumi sono sulla Esplanade de la Bourgada, dove c'è il Mamac e il Theatre National del Nice
Consiglio una visita alla Pepineire di Sebastien Fossat, di 30.000 mq, al 423 Chemin de Crémat andando verso Saint Laurent du Var. Si  tratta di una delle più famose serre per gli agrumi in Francia, potete trovare 150 varietà d'agrumi da quelle note e dimenticate come i Cedri, mano di Buddha, Bergamotto, Orangers de Nice, a quelle meno note che provengono dall'Asia come Yuzu, Limequat, Caviale di limone.
Attivare a Nizza in treno: Thello ci sono 3 corse giornalieri da Milano al costo di 45 euro.
Per saperne di più: Nice Tourisme


lunedì 2 gennaio 2017

Green event : Mercatino di Natale a Bressanone fino al 6 gennaio

In qualche destinazione i mercatini di Natale hanno già chiuso, mentre a Bressanone nel centro della città continua il classico mercatino di Natale fino al 6 gennaio, giorno dell'Epifania.
Ne parliamo perché questo mercatino è certificato green event per diversi aspetti:

L'accessibilità e mobilità sostenibile
La città di Bressanone è raggiungibile in Treno siamo sulla linea Verona - Brennero, una modalità molto comoda per raggiungere una destinazione, la stazione dista poco dalla Piazza Duomo sede del Mercatino, in qualsiasi caso bus navetta collegano il mercatino con anche i principali parcheggi dove lasciare le auto fuori dalla città.
Per tutti i turisti che vogliono raggiungere Bressanone dagli altri centri dell'Alto Adige, si può raggiungere in maniera ecologica senza auto, con il sistema trasporto pubblico integrato di ferrovia, bus, postale, utilizzando la Mobilcard che collega tutte le principali località e valli della provincia di Bolzano.

Cibi e bevande green bio e locale
In tutti i punti vendita del mercatino si possono trovare preparazioni con prodotti stagionali, regionali, una ricca offerta di prodotti vegetariani e provenienti da agricoltura biologica, potete trovare le specialità tipiche dell'Alto Adige con i canederli in versione bio e vegetariani, i spatzle, lo strudel, biscotti, lo zelten con noci, spezie e canditi e tante altre prelibatezze.
Uso di stoviglie e posate riutilizzabili, no bibite in lattina.
A quest'aspetto si unisce una gestione dell'energia a minore consumo energetico e una raccolta rifiuti differenziata.
Questo solo per indicare di come è possibile organizzare grandi eventi anche tenendo sotto controllo l'impatto ambientale.


Shopping e relax all'Acquarena
Bressanone non è solo il Mercatino e shopping per le vie del centro per prodotti locali e d'artigianato, ci sono anche le il museo della Farmaci direttamente in centro e le visite guidate al Duomo.
Il mio suggerimento è invece la sosta all'Acquarena, direttamente nel centro della città, dove c'è una vasca sportiva da 25 metri adatta sia a principianti che ai nuotatori agonistici, una grande vasca per idromassaggio per stare in relax inoltre il centro è dotato di una cabina a raggi infrarossi che ha la caratteristica d'alleviare dolori alla schiena. Il centro ospita anche sauna finlandese esterne e il bagno a vapore, la biosauna e la sauna alle erbe un relax a 360°.










mercoledì 21 dicembre 2016

Rapallo, Liguria : Feste di Natale al mare, il sole d'inverno

Ci sono alcune località che diventano più interessanti per il turismo lento d'inverno, la località di Rapallo è affollata durante i mesi estivi, mentre d'inverno offre aspetti inediti che meritano d'essere scoperti e conosciuti.
Ci sono stato la scorsa settimana c'era una temperatura alta intorno ai 15° e ho visto più di qualche bagno aperto con persone che prendono il sole comodamente seduti sulle sdraio.
Rapallo è stata una delle prime cittadine turistiche italiane grazie alla rete ferrovia del 1868, vennero costruiti i primi hotel di lusso, ville in stile liberty per ospitare un'elite composta da aristocratici e nuova borghesia industriale. Agli inizi del '900 a Rapallo aprì uno dei primi Casinò in Italia.  Il secondo Boom turistico si ebbe con l'arrivo dell'autostrada negli anni '60 e diede l'avvio al fenomeno di Rapallizione che in parte rovinò la bella cittadina. Tuttavia il vecchio borgo, il centro storico è riuscito a conservare il suo fascino e la sua storia.




Il vecchi borgo, il mercato giornaliero di frutta e verdura
Il borgo si è trasformato in uno spazio molto caratteristico che ospita la zona dello shopping con al centro il mercato che si tiene tutti i giorni, dove potere trovare le verdure e frutta locali, in questo periodo in particolare gli agrumi, le clementine, i mandarini e le arance, si trovano anche le erbette dolci coltivate nei paesi intorno, di grande interesse sempre in inverno sono la scorzonera e la Radice di Chiavari, che appartiene alla specie delle cicorie, radici che si mangiano solo dopo essere cotte dal sapore amorevolemente amarognolo, le erbe matte, i carciofi spinosi della Liguria.



Le tradizioni gastronomiche: Pansotti in salsa di noci, Pan dolce, Cubelletti
Dal punto di vista culinaria Rapallo si allinea con le altre cittadine sul mare della provincia di Genova, dalla pasta fresca come  le trofie al pesto, alla cima genovese, immancabile trovare le panetterie del centro con la tipica focaccia genovese, la focaccia al formaggio, che rappresenta al meglio il territorio. 
I pansotti in salsa di noci sono proprio nati a Rapallo, sono una tradizione tipica natalizia della frazione di San Martino di Noceto,  pasta fresca leggera e sottile ripiena d'erbe matte, d'erbe spontanee tipiche della zona conditi con una salsa fatta con le noci, di cui è ricco il territorio intorno al paese. Anche se esistono fonti diverse sulla nascita del piatto, ma tutte concordano con la zona di Rapallo. La versione professionale, che tutti oggi conosciamo, invece venne presentata per la prima volta dal Ristorante Manuelina di Recco nel 1961.
In questo periodo sotto le feste la specialità tipico è il Pan dolce, il più famoso indirizzo di Rapallo è la Pasticceria Caneva 1862, in piazza Garibaldi, dove oltre al Pan dolce si possono gustare i dolci tipici di Rapallo i Cubelletti, due strati di pasta frolla ripiene di marmellata di mele cotogne, c'è da segnalare anche l'ottima pasticceria fresca come cannoli e bignè alla crema da gustare con un buon caffè.


Il Christmas Market
In occasione delle feste si svolge sul Lungomare Vittorio Veneto Natale a Rapallo con un mercatino di Natale di fronte al mare che porta fino al Castello Cinquecentesco.



Il patrimonio storico e architettonico
Per i viaggiatori curiosi Rapallo offre molto di più come Villa Tigullio che ospita il Museo del Merletto di cui  le lavoratrici di Rapallo sono state note in tutto il mondo, ci sono manufatti di merletto che attraversano un periodo che va dal XVI° secolo al XX° secolo.
Altro museo particolare e il Museo del Phon in via Trento 15, si ripercorre la storia e l'evoluzione di quest'oggetto nel corso degli anni.
Particolare simbolo di profonda fede è il Santuario di Monteallegro che ci si arriva con la Funivia dal centro della città, un grande panorama sul Golfo, è un luogo di culto e pellegrinaggio molto famoso per le apparizioni della Madonna nel 1557.
Una visita lo meritano anche in città il Convento delle Clarisse, la Basilica di Santi Gervasio e Protasio nel centro e, il Santuario della Madonna di Caravaggio sul Monte Orsena.
Arrivare a Rapallo:  con la Ferrovia, sulla linea Genova - La Spezia, da Milano treno regionale diretto 2,10h a 15,35 euro oppure treno Intercity a 24 euro.
Per saperne di più: Comune Rapallo Turismo, Natale al mare

Tanti auguri di Buon Natale