domenica 31 agosto 2008

Isole delle lentezza: Capraia

L’ isola di Capraia è la più selvaggia delle isole del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano. La distanza tra costa toscana e Corsica hanno permesso lo sviluppo di una flora e di una fauna unica che hanno trasformato l'isola in laboratorio naturalistico. I diversi paesaggi si susseguono nello spazio di poche centinaia di metri, creando una suggestione unica.

Il nome deriva dal termine etrusco 'Kapra', utilizzato per indicare le pietre ed i luoghi pietrosi. La superficie è di circa 20 Km quadrati e si sviluppa su una lunghezza di 8 Km per una larghezza di 4 Km. Le coste occidentali sono scoscese e dirupanti, mentre quelle orientali e meridionali piu' dolci .
Capraia è percorsa da numerosi sentieri e mulattiere che ne fanno un paradiso per i camminatori che amano avventurarsi nella natura incontaminata che preserva una delle vegetazioni più intatte di tutto l’Arcipelago. Dal paese partono i sentieri che portano verso l’interno dell’isola arrivando alla spettacolare costa occidentale e meridionale della autentiche terrazze sul mare.

Navigando intorno con particolare attenzione non è raro imbattersi in delfini, foca monaca, balenottere comuni e pesci luna. L'isola è invece meta preferita dei birdwatcher per osservare la ricca colonia di uccelli che vi transitano in primavera e autunno, oltre agli uccelli migratori ci sono gli uccelli stanziali come il Gabbiano Corso, il Falco pescatore e le Berte che nidificano tra le rocce cacciando in mare i pesci.
Meta ideale per un fine estate 2008, Informazioni: Isola di capraia, Capraia vacanze, Traghetti Toremar da Livorno, Parco nazionale arcipelago toscano

venerdì 29 agosto 2008

Le meraviglie del mondo on line: Isola di Pasqua

L'Isola di Pasqua (Rapa Nui), è un isola appartenente al Cile, situata nell' Oceano Pacifico, è una delle terre più isolate del mondo ( è situata a 3 700 km a est dalla costa dell’America Meridionale e a 4.000 km da Tahiti. L'isola è così chiamata perchè fu scoperta il giorno di Pasqua 1722 (5 Aprile 1722) dall'esploratore Olandese Jacob Roggeveen, è divenuta cilena dal 1888. L'isola di origine vulcanica, presenta tre coni vulcanici: il Terevaka, il Poike e il Rano Kau. Unico centro abitato dell'isola è Hanga-Roa. L'Isola di Pasqua è uno straordinario sito archeologico, famoso per le grandi statue in pietra a forma di testa umana, dette Moai e un isola di imcomparata bellezza. Sono 900 le teste e vanno dall'altezza di 1 metro ai 20 metri. Isola di Pasqua ha una forma triangolare 24 km x 12, per una superificie di 170 kmq, c’è una foresta si eucalipti piantata del XX secolo e altri alberi importati da tahiti come alberi di cocco. Il solo centro abitato è Hanga Roa circa 4.000 abitanti, discendenti di un popolo ignoto, nonostante le diverse interpretazioni oggi nessuno sa dare una spiegazione dell'origine dei suoi abitanti e delle conoscenze tecniche della costruzione dei mohai, gli indigeni si ritengono gli unici sopravvissuti di un continente scomparso sommerso dal mare rilanciando cosi il mito del pianeta sommerso. L'Isola di Pasqua nel 1995 è stata inserita nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità (World Heritage Sites) dell’UNESCO.
Isola di Pasqua è raggiungibile solo in aereo da Santiago del Cile, dove è collegata otto volte alla settimana, voli in esclusiva della Lan, la linea aerea cilena, inutile cercare offerte convenienti il volo è di 500 euro.
Hotel esplora è il nuovo albergo dell'isola www.explora.com ma sul posto si possono trovare delle comode e belle guest house a costi economici.
La stagione migliore va da Novembre a Maggio, le temperature sono tra i 24 e 29 gradi, Agosto e Settembre sono i mesi meno frequentati e più piovosi.


900 statue alte da 1 a 20 metri

venerdì 1 agosto 2008

I luoghi dell'ospitalità: Gastof Bad Dreikirchen, Barbiano (BZ)

Uno dei luoghi più suggestivi di tutto l'Alto Adige, meta di escursionisti e di viandanti da oltre otto secoli, siamo a Barbiano in Valle d'Isarco in provincia di Bolzano Per arrivare a Bad Dreikirchen bisogna lasciare l'auto in paese oppure c'è un comodo parcheggio appena superata la chiesa e voltato a sinistra con la freccia Bad Dreikirchen e nel giro di 30 minuti di camminata si arriva in questa piccola e carina Gasthof. Luogo ideale per una vacanza all'insegna del relax e nel mezzo della natura, un grande silenzio, una vista incantevole sulle dolomiti, una piscina d'acqua termale, una biblioteca ricca e fornita, un albergo tutto in legno e una cucina di grande classe e tutto qui il segreto di Bad Dreikirchen.

La Gasthof profuma di legno è calda ed accogliente, traspare ovunque l'amore per le tradizioni, la cura per i dettagli e l'attenzione verso i propri ospiti. La dove è di casa la natura, si può fare a meno di televisore, telefono ed automobile. Una vacanza a Bad Dreikirchen è un tacito invito a godere della vacanza soggiorno con tutti e cinque i sensi.
Indirizzo: Via Tre Chiese, 6 - San Giacomo / Sankt Jakob Tel.: (+39) 0471650055 FAX: (+39) 0471650044