domenica 20 novembre 2011

Hmong tra le montagne del Vietnam, il popolo dei fiori

Dopo i mercati di Natale sento l'esigenza di tornare a dei racconti di più grande respiro, che riportano più all'origine di questo blog e al turismo etnico, perchè l'attività turistica costituisce una risorsa importante per le piccole comunità che rischiano di scomparire nell'era della globalizzazione. Ci sono diverse etnie che sono prive di uno stato riconosciuto, se in Europa conosciamo i Baschi divisi tra Francia e Spagna, oppure i Curdi tra Turchia, Iran e Iraq, esistono diverse popolazione del mondo, una delle più originali che lotta per la sopravvivenza e il popolo h'mong. Una popolazione che vive sulle montagne tra Cina, Laos, Thailandia, Vietnam.



Si tratta di un gruppo della popolazione Miao, nome dispregiativo dato dai cinesi per indicare "selvaggio", sopratutto in passato sono stati diversi i tentativi di omologare queste popolazioni, tanto che molti sono fuggiti negli Stati Uniti, Francia, Australia, fondando le comunità estere di h mong. Oggi il gruppo etnico e riconosciuto in Cina e in Vietnam e non negli altri paesi da dove vengono spesso allontanati.
Nonostante 3 lingue e 40 dialetti , diverse denominazioni, il popolo hmong è riuscito nel tempo a non omologarsi e conservare la propria cultura e tradizione, uno dei modi per conoscere questo popolo è andare in Vietnam nella citta di Sa Pa al confine con la Cina, ci sono dei percorsi da trekking oramai specializzati, che permettono di camminare attraverso dei paesaggi incantevoli e conoscere direttamente la popolazione, di villaggio in villagio, si tengono anche corsi per imparare la tessitura degli abiti.
Grazie a queste iniziative la popolazione mhong, riesce ad avere un reddito più alto e non è costretta ad andare via per cercare maggiore fortuna, perché la sola attività agricola non è molto renumerativa, nonostante i h mong sono molto attivi non solo nella coltivazione ma anche nella vendita, non c'è mercato della zona che non arrivano a vendere i loro prodotti.
I hmong non vendono solo i loro prodotti della terra, ma sono rinomati per la raffinatezza dei loro tessuti e delle loro vesti, caratterizzate da immagini che richiamano le forme e i colori dei fiori, tanto da venire chiamato il popolo dei fiori.
Sono cosi rinomati che il mercato di Sa pa e Bac Ha al Sabato, vede l'arrivo in treno da Hanoi (più di dieci ore di viaggio) di molti forestieri.



Sa Pa al tempo della colonizzazione francese era un centro di villeggiatura rinomato, circondato dai monti Hoang offre uno spettacolo paesaggistico incantevole in particolare durante la primavera, la temperatura permette la coltivazione dei peschi, dei prugni e di molte erbe medicinali il cui segreto viene custodito dalle popolazione hmong.
Al di là dei conflitti che il popolo hmong ha dovuto subire, è una delle popolazioni più gentili, educate ed estroverse del Vietnam, non è raro trovare ragazzi e ragazze che parlano molto bene inglese e francese, le ragazze sono molto belle con lineamenti gentili e modi raffinati, tuttavia una bellezza che dura poco, uno dei canoni per la scelta delle mogli non è la bellezza ma quanti secchi d'acqua pieni una ragazza riesce a portare, è un vita dura quella dei mhong, tra le montagne su e giù per i terrazzamenti per coltivare riso.



Tra le tradizioni più strane è quella che vede i due prescelti per le nozze scomparire nella foresta per 3 giorni, solo dopo questi tre giorni il fidanzato se tutto va bene può essere presentabile alla famiglia della sposa, in caso contrario nessun matrimonio anche se una ragazza che scompare troppe volte in un anno rischia di non avere una buona reputazione.
Una cultura che si trasmette oralmente hanno fama i hmong di tessere raffinate melodie e balli tradizionali con grande maestria, la musica è un messaggio universale che non ha frontiere.
Il turismo ha anche un altra motivazione, la speranza che i contadini abbandonino la coltivazione dell'oppio, spiace dirlo ma per decenni è stata l'unica fonte di sostentamento di queste popolazioni.


Un bel reportage lo ha fatto la blog giramondo beata lei , un giorno a Sa Pa e ben altri 19 post sul Vietnam, uno più bello dell'altro.
Sono diversi gli operatori che fanno il Vietnam io segnalo Kuoni e Handspan

lunedì 14 novembre 2011

Guida ai mercatini di Natale 2011 in treno Austria, Baviera e Sassonia da Innsbruck a Lipsia tra dolci note e vin brulè

Continua il nostro viaggio sui Mercatini di Natale 2011 da fare in treno, dopo la Svizzera della scorsa settimana andiamo nei paesi di lingua tedesca:  Austria dove i mercatini giocano di anticipo e aprono questa settimana. Sarà poi la volta la settimana prossima dell'apertura in Germania con Monaco con tutta la Baviera e la Sassonia, la regione forse meno nota e per questo più affascinante con due città ricche di storia come Dresda e Lipsia. Tutte queste città sono legate da un filo comune che è la raggiungibilità in treno e la cultura della musica, mercatini di Natale e Concerti Mozart, Wagner, Haydn, Bach, Quest'anno io non posso andarci ma ho scelte per voi le immagini che meglio danno l'idea di come sono, così anche mi sento in festa anche se lontano.



Vienna dal 12-11-11 al 24-12-11 dalle 10,00 alle 21,30
Direttamente sulla Rathauplatz, si viene per comperare le candele, giocattoli, decorazioni per la casa, frutta candita, frutta secca ma sopratutto per bere il “christmas punch” una bevanda alcolica calda fata con vino, brandy e frutta fresca . Sempre a Vienna c'è mercato più raccolto presso Schoenbrunn Palace. La particolarita di Vienna è unire l'occasione della visita al mercato natalizio con una serie di concerti di musica di Strass ed Haydn che si tengono nel Municipio ogni Venerdì e Sabato.
Dormire a Vienna slow cost: Roomz-Vienna, Hotel Pension mangiare slow cost: Caffè Leopold, Badeschiff.

Salisburgo,  17 novembre - 26 Dicembre 11 dalle 10,30-20,30/21,00
Chi visita ora Salisburgo, non vi troverà coninvolto in un'atmosfera particolare tra le note della musica di Mozart. Concerti ed eventi culturali, tra questi il Mercatino natalizio del Bambin Gesù, citato da fonti già nel XV secolo. Il mercatino si svolge ai piedi della fortezza di Hohensalzburg, attorno al prestigioso e antico Duomo di Salisburgo. Chi visita Salisburgo nell’Avvento non dovrebbe lasciarsi sfuggire neanche i mercati di Natale più piccoli, nella piazza Mirabell, nello Sterngarten, nel convento di St. Peter, nel quartiere Maxglan oppure sulla Fortezza Hohensalzburg.



Innsbruck, 15 novembre – 06 Gennaio 2011 11:00 - 20:00
Nel centro storico di Innsbruck, con il Tettuccio d’Oro sullo sfondo, anche quest’anno per la 36a volta si svolge il tradizionale mercatino di Natale. La gente del luogo e i turisti provenienti da tutto il mondo si incontrano qui per godersi l’atmosfera natalizia. Da non perdere la “Via delle fiabe” e il “Calendario dell’Avvento vivente”. Dal 3 al 10 Dicembre il Tyrolean Carol Singin il Festival della musica tradizionale tirolese per il Natale.



Monaco dal 25-11-11 al 24-12-11 dalle  10,00 alle 19,00
Sotto l’albero di Marienplatze, l'odore di mela caramellata, Reiberdatschi (frittelle di patate con composta di mele), Gluhwein (vin brulè), Lebkuchen (biscotti allo zenzero), Dampfnudeln (dolci lievitati al vapore con salsa di vaniglia). Diversi sono i mercati in tutta la città, Weihnachtlicher Mittelaltermarkt  in Odensplatz, il mercato degli artisti a Schwabing, il mercatino dei presepi a Sedlinger Tor . In contemporanea si svolge il Tollwood Festival  24 Novembre al 31 Dicembre che oltre ad avere una serie di bancarelle classiche da tutto il mondo per il natale unisce programmi d'intrattenimento culturale ed artistico.
Per la musica non perdetevi il programma del Musikmetropole Munchen con concerti di Beethoven e i concerti della Muchner Philharmoniker.
Tutte le informazioni sul sito Monaco Turismo per il mercatini di Natale mentre per i suggerimenti rimando al post su Monaco enogastronomica.

Monaco di Baviera è il punto di partenza per la scoperta dei mercatini di natale nelle Alpi Bavaresi: FüssenMurnau, Kempten, Mittenwald. Monaco è raggiungibile in treno da diverse città italiane con diverse offerte info: Ferrovie Tedesche



Dresda dal 24 novembre fino al 24 dicembre 2011
Il mercato di Natale può essere un ottima occasione per visitare Dresda, una città totalmente ristrutturatata nella parte storica ricca di Palazzi Barocchi, Chiese, Musei. Il mercato di Natale si chiama "Striezelmarkt” uno dei più antichi mercati di Natale della Germania, fondato nel 1434 il suo nome deriva dalla “Hefestriezel”, un dolce di pasta lievitata meglio conosciuto come “Original Dresdner Christstollen”. Nel mercatino si possono trovare i migliori prodotti artigianali provenienti dalla regione della Sassonia. Ogni weekend si tengono i grandi concerti  della Dresden Philharmonic che affronta il repertorio tipico natalizio con il tradizionale Saechsische Staatskapelle.  Info: Sassonia Turismo

Lipsia 22 novembre fino al 22 dicembre 2011
Nella magnifica Marktplatz, di fronte all’antico Municipio. Ogni anno si rinnova la tradizione del mondo delle favole  “Märchenland” (mondo delle favole), il mercato antico medievale “Alt Leipzig” e il “Bazar di Betlemme”. La tipica “Bergparade”, la sfilata delle corporazioni di minatori della regione dei Monti Metalliferi, offre ai visitatori la possibilità di rivivere le antiche tradizioni di questo mondo. Lipsia è la patria di Bach, Wagner e Mendelssohn, la musica si abbina alla tradizione natalizia, nelle diverse chiese della città in tutto il periodo natalizio si svolgono i concerti dell’ Oratorio di Natale di Bach. Info: Sassonia Turismo

Informazioni per andare in treno: Ferrovie Tedesche
Innsbruck , la più vicina dista h 3,30 da Verona offerte treno 38,60 euro solo viaggio o offerta con pernottamneto da 119 euro, mentre Lipsia la più distante sono h 12, offerte solo viaggio per Lipsia a partire da 79 euro.

lunedì 7 novembre 2011

Mercatini di Natale in treno in Svizzera: Zurigo, Montreux, Lucerna, Berna, Losanna, Basilea


I mercatini di Natale stanno diventando un vero e proprio prodotto turistico, con molti concorrenti, a dire il vero quello che una volta era una novità, ora si è trasformato in uno spettacolo un po' uguale in tutte le città, non sempre i prodotti sono locali e non sempre le proposte fanno rivivere le tradizioni tipiche. La Svizzera è riuscita a conservare uno spirito del Natale molto intimo e caldo, mercatini a misura d'uomo, piccoli ma con un offerta di qualità, arrichite di prodotti della propria tradizione natalizia.
Turismo lento vi consiglia il treno perchè è più comodo e con meno emissioni di Co2 inoltre è conveniente basta prendere al volo l'offerta da 19 euro info trenitalia (fino a 13 g. prima della data di partenza).
Quest'anno ai due mercati tradizionali di Montreaux e Zurigo, si sono unite le citta di Basilea, Lucerna, Losanna, Berna, queste le date:

Zurigo: . Dal 24/11 al 24/12.
La cultura della tradizione della lingua tedesca incontra la tradizione del Natale della montagna, Zurigo è a Natale che si svela nella sua anima pià intima e calda. Reportage lo scorso anno da tornarci decisamente. In treno  sono ore 3,45 sulla linea Milano, Como, Lugano, Zug, Zurigo. L'offerta di 19 euro è interessante e permette di andare a Zurigo a un prezzo interessante. Info blog Zurigo Turismo



Montreux: . Dal 24/11 al 24/12.
Reportage fatto lo scorso anno, bella piacevole, non affollata, distante da Milano in treno solo 3 ore di treno, è possibile fare un soggiorno vedendo tutte e due le località di Montreux e Losanna. 

Losanna: . Dal 25/11 al 24/12.
Direttamente sul lago Lemano, raggiugibile in treno da Milano su un percorso di  tre ore e 15 minuti, sulla linea Milano Domodossola, Briga, Sion, Montreaux. Il mercato di Natale si tiene nella storica Place Saint-François.



Lucerna: . Dal 03/12 al 21/12.
Tra il lago e le montagne, nel centro della Svizzera, una citta ricca di storia e tradizione, il mercato del Bambin gesù offre tutto quando si può desiderare per adornare la casa con le decorazioni del Natale. Dal 3 dicembre invece nella centrale il classico Franziskanerplatz con vino brulè, dolci, specie e l'odore dello zucchero filato. Per andare a Lucerna non cè treno diretto sono 4 ore con cambio ad Arth-Goldau

Berna: . Dal 03/12 al 29/12.
La città storica è patrimonio mondiale dell'Unesco, ha un aspetto romantico e raccolto, offre un ambiente ideale per i mercatini di Natale, la citta ha diverse attrattive, la torre dell'orologio Zytglogge con il calendario astrologico, la casa di Eistein, Paul Klee Centrum e  il Giardino Botanico. Consigli: Alloggiare a Berna: Bed and breakfast Berna, un giro in bicilcletta della citta con Flyer consigliato un giro presso il lago Wohlen. Il treno impiega h 2,58 da Milano sulla linea Milano Domodossola Briga Spiez Berna.

Basilea: Dal 24/11 al 23/12.
La città più nord della Svizzera, una città colta offre un atmosfera di confine tra tradizione germanica e tradizione svizzera, una rete di musei della città include la Fondazione Beyeler e la Fondazione Herzog. Il mercato offre tutta una serie di prodotti e artigiani locali, vin brulè, waffel e i Dolci di  Basilea. In treno da Milano sono 4 h .Info: Basilea Turismo

Seguirà a breve una guida sui mercatini di Natale in Europa