venerdì 30 novembre 2012

Parigi, Dali e il suo universo surrealista al Centre Pompidou fino al 25 Marzo 2013

Inaugurato il 21 Novembre dopo che avevo scritto il post su Parigi delle mostre per Novembre e Dicembre, è arrivata questa sorpresa che non potevo non citare per le dimensioni della mostra e le rilevanza artistica, per coloro che andranno a Parigi a Natale e per tutto l'inverno è un appuntamento da non perdere.
Deceduto nel 1989, il pittore e scultore Salvador Dali ha segnato la storia dell'arte del XX secolo, un artista rivoluzionario che ha sorpreso il mondo con le sue opere stravaganti. La mostra al Centre Pompidou, dedicata al mondo del pittore, scultore e scrittore spagnolo, vi invita a scoprire le opere di Dali, conosciute o sconosciute al grande pubblico, dalle icone di grandi dimensioni dipinte dall'artista come quelle piccole degli orologi molli, conservati al MoMA di New York. 

Duecento opere esposte che hanno caratterizzato una generazione e ha documentato la lenta rivoluzione sessuale e intellettuale della società.
La retrospettiva lascia intravedere un Dali inedito con le suo paure, le sue aspettative che ben si intravedono nelle opere blasfeme ma anche in quelle meno note e più paranoiche e critiche che mostrano una coscienza turbata dell'artista ma anche della società in cui vive, che devo dire magistralmente Dali documenta ed esprime nei suoi lavori come pochi artisti hanno fatto nella sua epoca.
Salvador Dalí, Centre Pompidou, dal 21 Novembre 2012 al 25 Marzo 2013,
Orari : 11h-21h | aperture serali il venerdi e sabato fino alle 23h | chiuso il martedì
Ingresso : 13€ 
Andare a Parigi in treno offerte su TGV Europe da 29 €

Post Correlati

martedì 27 novembre 2012

Paesi Go Slow Green: Morgex, Valle d'Aosta

Testimonial dell'Italia nel settore del turismo sono le piccole località ricche d'arte, storia, cultura e serenità, come è il caso del  Comune di Morgex che proprio qualche giorno fa si è aggiudicato il “Premio Eco and the City”, il nome del premio non rende merito a questo paese, che nulla ha a che fare con "sex and the city", il famoso telefilm, ma è un premio sulla qualità ambientale dell' associazione Città del Vino rivolto  ai comuni soci che si sono particolarmente distinti per la tutela del territorio e del paesaggio e della salvaguardia dei Beni Culturali e Ambientali.
Infatti il comune di Morgex ha impostato nel corso degli ultimi anni lo sviluppo del proprio territorio sul turismo, sul rispetto dell'ambiente e sulla valorizzazione dell’agricoltura in particolare della vitivinicoltura, la coltivazione di vigneti si spinge dai 923 metri del paese fino ai 1200 metri  per ottenere il vino D.O.C. Blanc de Morgex et de La Salle”, a certe altezze di montagna non è facile, nulla nasce per caso.
Inoltre sempre a Morgex sono stati avviati progetti per limitare l'inquinamento ambientale attraverso il tele riscaldamento, istituzione di un oasi ecologica, interventi per migliorare le risorse idriche in un ottica di rispamio e compatibilità ambientale. 
Questa sensibilità si è spostata anche sul Turismo, dove la maggior parte delle strutture sono piccola ospitalità dal servizio personalizzato, mentre per i servizi di trasporto pubblico "allo bus valdigne" e allo nuit val digne per una vacanza senza la necessita di utilizzare l'auto. Al paese si  arriva con la Ferrovia, la stazione di Morgex è sulla linea Aosta - Pré-St-Didier
Morgex fa parte del comprensorio del Monte Bianco insieme con Courmayeur, Pré Saint Didier e La Salle, a pochi chilomentri le piste per lo sci alpino del Monte Bianco, ad Arpy la tranquillità delle piste dello sci di fondo e d'estate meta di escursioni e camminate dolci, durante il periodo primaverile ed estivo la pista ciclabile Morgex - La Salle, Trekking nella Riserva Naturale Marais,  rafting sul fiume Dora. 
Fonte info e foto: Pro loco Morgex


Visualizza Morgex Valle D'Aosta in una mappa di dimensioni maggiori

domenica 25 novembre 2012

La Val Gardena Bon y Bel, per sciare con gusto la guida gourmet gastronomica della Val Gardena

Quando si pensa alla Val Gardena, tutti pensano alla neve allo sci al magnifico paesaggio innevato delle dolomiti, ma la valle negli anni ha saputo evolversi anche dal punto di vista dell'offerta di gastronomia di qualità.
Un percorso favorito da una buona base di cucina tipica ladina contadina a cui si è saputo unire una maggiore cultura gastronomica internazionale e una maggiore  tecnica per soddisfare i palati più ricercati tanto che oggi può vantare due ristoranti stellati dalla Guida Michelin (Reimund Brunner, chef del Ristorante Gourmet "Anna Stuben", nel Relais & Chateaux Hotel Gardena, a Ortisei e  Felice Lo Basso, chef creativo del Ristorante Gourmet Alpenroyal di Selva di Val Gardena) che sono indice di un ottimo livello qualitativo generale dell'offerta di ristorazione.
La guida Bon y Bel è la prima guida gastronomica della Val Gardena con ristoranti d'albergo, baite e rifugi e caffè noti con aggiunta delle ricette dei loro piatti più famosi. Molti indirizzi ai miei lettori sono già noti come la Malga Rauch Hutte sull'Alpe di Siusi, il cafè Villa Frainela di Selva di Val Gardena, le migliori torte in assoluto della valle,  oppure il Ristorante Mountain Lodge Chalet Gerard con la magnifica vista sul Sassolungo.
Se un difetto si può trovare in questa guida è che si tratta di un percorso istituzionale e non critico, dove sono stati inseriti alcuni luoghi non particolarmente meritevoli che offrono prodotti già pronti da semi lavorati mentre invece è stato escluso quello che è stato ed è il migliore ristorante della valle, cioè il ristorante dell'Hotel Adler di Ortisei, purtroppo da qualche anno aperto solo agli ospiti dell'albergo Adler, ma che ricordo da trentennale frequentatore.
La stagione invernale inizia come tradizione con il ponte di Sant'Ambrogio e la Festa del'Immacolata, cosi potete scegliere tra tenere pronti gli sci o forchetta e coltello in entrambi i casi una buona scelta.

Info: Val Gardena 
Per scaricare la guida Ristoranti più ricette in pdf www.valgardena.it/it/bonybel/

Post correlati: 
Andare per ciaspole in Val Gardena
Ha riaperto Chalet Gerard a Selva di Val Gardena
Alpe di Siusi una vacanza senza auto

venerdì 16 novembre 2012

Festa del Torrone, Cremona dal 16 al 18 Novembre 2012, da Milano Sweet Express il Treno del Torrone

Si svolge come ogni anno a Cremona la Festa del Torrone, un dolce e goloso anticipo per il periodo natalizio, la festa del Torrone si lega alle tradizioni storiche del Rinascimento Lombardo. Da Milano sabato mattina parte il corteo nuziale che condurrà Bianca Maria Visconti a Cremona per sposare Francesco Sforza nel pomeriggio di sabato. Questo evento secondo alcune fonti segna il comparire del torrone nella storia della gastronomia.
La festa del torrone è ricca d'eventi tra i più interessanti sabato mattina un convegno sull'evoluzione dell' arte dolciaria dal Rinascimento in poi mentre nel pomeriggio seguiranno degustazioni di torroni con abbinamenti ad altri prodotti gastronomici come grappe e birra e nel centro della città una serie di stand gastronomici  con la migliore offerta locale di Torrone e Torroncini.
Si chiude con il grande spettacolo finale di Domenica "D'acqua e di fuoco" fatto di azioni sceniche e acrobazie spettacolari nella piazza del Comune. 
Da Milano parte Sabato Mattina 17 Novembre Sweet Express: Il treno del Torrone in Viaggio per Cremona sul treno d’epoca a vapore per partecipare alla Festa del Torrone. Prenotazioni alla stazione di Milano Lambrate presso le Ferrovie Turistiche Italiane . La partenza è prevista da Milano Lambrate alle ore 8.30, mentre il rientro sarà alle ore 18.30. 
Info Il Nucleo email: stazione@ilnucleo.it) oppure Associazione FTI email :  fti@ferrovieturistiche.it). Prezzo adulti: da Milano e Lodi € 35,00


domenica 11 novembre 2012

Parigi Novembre e Dicembre weekend d'arte: da Raffaello al Louvre a Canaletto al Jacquemart, ma dove trovare le migliori brioches a Parigi?

Parigi si prepara all'arrivo della stagione autunnale e dell'inverno arricchendosi d'arte e cultura, è una delle poche destinazioni turistiche che oltre ad offrire un patrimonio storico e architettonico ha la capacità di incuriosire il viaggiatore con eventi di grande cultura, proprio lo scorso anno abbiamo parlato della mostra dedicata al Beato Angelico, una delle più complete sull'artista.

Parigi Museo del Louvre: Raffaello gli ultimi anni:
Quet'anno al Museo del Louvre è la volta di Raffaello, artista italiano del Rinascimento, una mostra dedicata agli ultimi anni dell'artista marchigiano, per precisione gli ultimi sette dal 1513 al 1520, anno della morte a soli 37 anni. Sono gli anni che Raffaello passa a Roma su richiesta del Papa Leone X della famiglia Medici di Firenze, a rappresentare l'arte di Raffaello più di 100 opere della sua età più matura, per apprezzare uno dei maestri del Rinascimento.
Il Louvre, Raphaël, les dernières années, du 11 Octobre 2012 au 14 Janvier 201. Il Louvre è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18 tranne il martedi.
Parigi Museo Jacquemart: Canaletto e Guardi i due maestri della pittura di Venezia
Se al Louvre c'è Raffaello a Museo Jacquemart fino al 14 gennaio c'è un mostra di Canaletto e Guardi i cosiddetti maestri delle vedute di Venezia, la mostra mette abilmente in confronto i due artisti sulle pitture dei stessi luoghi, svelato due approcci molto diversi più osservatore e vicino alla realtà del Canaletto, più intepretativo e personale quello di Francesco Guardi.
Dal 14 Settembre al 14 Gennaio 2013, Musèe Jacquemart,  Canaletto Guardi le deux maitres de Venice
Parigi Biblioteca Nazionale di Francia: Età dell'oro delle carte marine: 
Un altra mostra invece molto interessante è dedicata all'età delle scoperte geografiche si chiama : L’âge d’or des cartes marines - Quand l’Europe découvrait le monde" presso la Biblioteca Nazionale di Francia. 200 mappe  provenienti da tutti i musei di Francia e dal British Museum. L'elaborazione della mappe era una vera e propria scienza che ha contributo in maniera determinante a diffondere le conoscenze, geografiche e alla conoscenza con le loro immagini di nuovi mondi con i loro paesaggi, i popoli, i loro costumi, le loro fauna e la flora.


Anche fare il dolce è arte e dove trovare una buona brioche a Parigi, cioè il classico croissant tra varianti la più classica con la confettura di albicocche ma anche con le mandorle che in questo momento a Parigi è molto di moda :-) :

Au Levain d'Antan
6 Rue des Abbesses, Paris T. 09 65 26 24 02
93 Rue du Bac, Paris, T. 01 42 84 00 82
24 Rue Paul Bert, Paris, T. 01 43 48 19 50
16 Rue Royale, Paris, T. 01 42 60 21 79
22 Rue Caulaincourt Paris, T. 01 46 06 82 66
77 Avenue du Général Leclerc, Paris, T. 01 43 35 01 07
125 Rue Saint-Honoré, Paris, T. 01 45 08 03 59


Visualizza Paris Novembre 2012 in una mappa di dimensioni maggiori

Andare a Parigi : Andare in treno ci sono delle buone offerte su TVG europe a partire da 29 euro più verosimilmente per settimana prossima andate da 45 a 55 euro che sono una buona offerta comunque.

Post correlati :

venerdì 2 novembre 2012

Una nuova guida per il Turismo Lento : Special Places to Stay by A.Sawdays

È arrivata la nuova edizione dei speciali luoghi d'ospitalità delle guide Sawday's,  la casa editrice inglese propone una serie di guide turistiche come la famosa collana Go Slow, di cui spesso ho parlato in questo blog.
Quello che mi piace di queste guide è che mettono in risalto l'autenticità e la convivialità dell'ospitalità, si tratta di B&B, piccoli hotel di charme, dimore storiche, tutti luoghi che offorno un 'ospitalità su misura, dove è possibile avere un contatto autentico con le persone e con i luoghi.
Questo avviene grazie a chi gestisce i luoghi dell'ospitalità capace di offrire un’esperienza indimenticabile per fare conoscere il meglio del territorio, attraverso la conoscenza della storia e delle tradizioni locali sia artistiche architettoniche che eno gastronomiche, fuori da quello che possiamo definire il turismo di massa.
Un punto di vista da me sempre condiviso in quanto sono l'autenticità dell'ospitalità italiana il vero testimonial del turismo italiano nel mondo.

Il successo di Sawday's non è noto solo nei paesi di lingua inglese ma in tutto il mondo, la cosa più divertente è che scopriamo un Italia a noi poco nota che invece è molto conosciuta all'estero. 
Il mercato in lingua inglese per il turismo italiano è uno dei più importanti da sempre, il turista di lingua inglese è un turista colto, un turista che ama cogliere le particolarità e la cultura del territorio, un turista fedele che a distanza di tempo ritorna e si fa testimonial dei luoghi che vede e che consoce con i propri conoscenti.
Il successo delle guide Sawday's è internazionale è noto ci sono 1.800.000 libri in circolazione nel mondo è uno dei siti internet più consultati del turismo non per caso.
Il mio vuole essere anche un invito ai proprietari di residenze case e dimore storiche a farsi conoscere da questo mercato e da queste realtà senza aspettare che i turisti arrivino alla porta.

Informazioni: Sawday's