giovedì 31 gennaio 2013

I luoghi del sapere: la Biblioteca Angelica, Roma



Con questo post si inaugura una nuova rubrica dedicata alle Biblioteche, luoghi non solo ricchi di libri e di cultura  ma anche vedremo nel corso dell'anno edifici storici e e architettonici. 
Iniziamo la nostra Rubrica con Roma la Biblioteca dell'Angelica, che possiede e tutela circa 200.000 volumi di cui più di 100.000, editi dal XV al XIX secolo, costituiscono il fondo antico della biblioteca. I settori più ricchi, che vengono ancora oggi incrementati in base ad acquisti e donazioni, comprendono opere sul pensiero di Sant'Agostino e sull'attività dell'Ordine agostiniano, la storia della Riforma e Controriforma, raccolte su Dante, Petrarca e Boccaccio, testi di letteratura italiana e sul teatro dal XV al XVIII secolo, edizioni rare (bodoniane , elzeviriane), opere su Roma, periodici italiani e stranieri dei secoli XVII-XVIII. 

La Biblioteca possiede inoltre circa 600 pubblicazioni periodiche, italiane e straniere, relative alle medesime discipline. 
Strumenti bibliografici e manuali di filologia e linguistica vengono acquistati per la valorizzazione e lo studio delle raccolte.
La Biblioteca prende nome dal vescovo agostiniano Angelo Rocca (1546-1620), scrittore erudito e appassionato collezionista di edizioni pregiate, responsabile della Tipografia Vaticana durante il pontificato di Sisto V, che negli ultimi anni del XVI secolo affidò la sua raccolta libraria (20.000 volumi circa) ai frati del convento di Sant'Agostino di Roma.
Tra i donatori più famosi Lukas Holste (1596-1661), custode della Biblioteca Vaticana, lasciò ai frati agostiniani la sua preziosa collezione di volumi a stampa (circa 3.000). 
Dal 1940 conserva in deposito circa 10.000 volumi di proprietà  dell'Accademia Letteraria dell'Arcadia  (volumi a stampa, 41 manoscritti, lettere autografe degli Arcadi e componimenti arcadici, relativi soprattutto alla letteratura italiana del ‘700). 
Dal 1975 dipende dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Nello stesso anno fu acquistata la biblioteca del critico letterario Arnaldo Bocelli, che comprende testi di letteratura italiana del Novecento.  Nel 2005 è pervenuto in dono il Fondo Cardone: 500 volumi di letteratura francese e italiana degli ultimi anni dell'Ottocento. Nel 2009 è stata acquisita, in dono, la raccolta libraria del professor Achille Tartaro: si tratta di 1200 opere in gran parte di critica letteraria. 



Visualizza Go Slow Green Roma in una mappa di dimensioni maggiori

martedì 29 gennaio 2013

Dal 7 all' 11 Febbraio Carnevale in Val Gardena, Carnevale sulla neve

Siamo sempre abituati a vedere il Carnevale in posti vicino al mare, Venezia, Viareggio, Nizza, ma come è il Carnevale in montagna? Si può festeggiare il Carnevale sugli sci? Un Carnevale sulla neve sembra essere questa la sfida lanciata dalla Val Gardena.
Poter approfittare dei giorni di carnevale per una settimana bianca, è il messaggio del Carnevale della Val Gardena, feste sulla neve senza perdere tanti giorni di scuola. Il giorno sulle piste da sci e il pomeriggio e la sera quando il sole tramonta intrattenimento e divertimento per festeggiare il carnevale.
Giovedì 7 febbraio a Selva e Ortisei sfileranno alle 14,30 i cortei in maschera per le strade del centro.
A Santa Cristina, invece, per giovedì grasso alle 16 pattinata sul ghiaccio in maschera alla pista dell’Iman Center.
Serata Carnival Ski Show presso la Pista Palmer di Ortisei il 7 febbraio alle 21.15.
In Vallunga invece a Selva di Val gardena un giornata dedicata ai bambini martedì 12, si svolgeranno le Olimpiadi sulla neve per bambini, mentre a Ortisei è prevista la Pattinata di Carnevale presso la pista di pattinaggio Setil. Il programma carnevalesco della Val Gardena si chiude la sera di martedì, nel centro di Santa Cristina con il ‘Big Carnival Ski Show’, con tutte le Scuole Sci e Snowboard della valle.
Mobilità dolce, vacanze senza auto:
Ricordiamo che è possibile recarsi in autobus a Ortisei e nei paesi della Val Gardena, senza utilizzare l'auto, grazie al collegamento ferrovia Trenitalia e con i collegemanti Sad con Bolzano e Bressanone che si fermano in tutti i paesi della Val Gardena, il sistema Mobil Card Alto Adige, collegamenti piuttosto frequenti anche d'inverno., info e orari Servizio pullman pubblici Val Gardena
Per la circolazione della valle c'è inoltre Val Gardena Ski Espress che collega da Roncadizza fino alle piste di Plan de Grabla al costo di 3 euro giornalieri e 7 euro per la settimana.

Info: Valgardena

Dall'Istituto Luce un vecchio documento in bianco e nero senza audio del Carnevale a Ortisei



Post correlati:

mercoledì 23 gennaio 2013

Fiera di Sant' Orso 2013, 1013° edizione Aosta, il 30-31 Gennaio 2013

Torna come ogni anno  la Fiera di Sant'Orso ad Aosta il 30 e il 31 Gennaio, siamo alla 1013° edizione, sono pochi gli eventi che possono vantare un numero cosi alto d'edizioni. La tradizione storica in ricordo di Sant'Orso si abbina oggi alla promozione dell'economia della Valle d'Aosta, dell'artigianato, dei prodotti tipici alimentari e della promozione turistica.
Le date fisse dell'evento non aiutano quando come quest'anno cadono in giorni feriali sarebbe opportuno prolungare per il sabato e la domenica al fine di potere coinvolgere più persone, presumo che sia  per questa ragione che non è stata data comunicazione di orari speciali di treni in partenza da Torino o da Milano, comunque Aosta sarà collegata con gli orari giornalieri sia da Trenitalia che con i bus dell'Savda da Milano e da Torino.
Dalla conferenza stampa della presentazione hanno fatto notare che l'evento ha visto un numero crescente di visitatore negli ultimi quattro anni, se posso permettermi di dire da quando questo blog ha fatto conoscere quest'evento a un pubblico più vasto, anche se non c'è alcuna collaborazione con ufficio stampa che non risponde nemmeno alle e mail di richiesta d'informazioni.



Questo però non deve pregiudicare una visita all'evento che si svolge nel centro della città , dalla stazione ferroviaria potrete procedere verso il centro vi troverete subito coinvolti nell'evento. perché potete scoprire e trovare il meglio dell'accoglienza e dell'artigianato tipico della Valle d'Aosta (dai sapot calzatura tipica alla grolla, dai attrezzi per l'agricoltura alla coppa dell'amicizia).
Per coloro che sono interessati ai prodotti gastronomici c'è uno spazio apposito in Piazza Plouves che sarà anticipato da domenica 27, rispetto al resto della Fiera, quindi stands gastronomici dal 27 al 31 gennaio, mentre la fiera completa solo i giorni classici 30 e 31 gennaio (Formaggi : Fontina, Seras, SalumiLardo d'arnad, Teutin, Boudin, anche Grappe, Pere Martin Sec.
Da non perdere la tradizionale Veilla nel centro storica dalle 19 in poi del 30 Gennaio con distribuzione di brodo e vin brulè.
Info: Fiera dell'Orso (informazioni povere ma questo passa il convento) e pagina Fiera dell'Orso nel sito isituzionale
Arrivare ad Aosta per i treni info Trenitalia  (2h da Torino P.N con cambio a Ivrea 8,45 euro,  da Milano 3 h con cambio a Chivasso e Ivrea, 17,50 euro per i Pullmann info Autostazione 0165.262027 da Milano Savda 2h partenze alle 7,15 e 13,00 al costo di 16 euro.
In treno: da Torino (via Chivasso) per il 30 e 31 Gennaio.  ( info:  www.trenitalia.it) 
Torino PN – Aosta: partenza da Torino PN ore 09.25 con fermata a Torino PS ore 09.33, partenza da Chivasso senza rottura di carico ore 10.00 con fermate a: Ivrea, Pont-Saint-Martin, Verrès, Châtillon con arrivo ad Aosta alle ore 11.33;
Aosta – Chivasso – Torino: partenza da Aosta alle ore 17.58 con fermate a Châtillon, Verrès, Pont-Saint-Martin, Ivrea partenza da Chivasso senza rottura di carico ore 20.15 e arrivo a Torino PN alle ore 20.50 (gli orari una volta ufficializzati da RFI potranno subire alcune variazioni di pochi minuti).





Post correlati: Fiera dell'Orso 2012 Fiera di Sant'orso 2011Fiera di Sant'Orso 2010,Fiera di Sant'orso 2009,  una bella documentazione della Fiera 2011 sul blog Cuochi di Carta

mercoledì 16 gennaio 2013

Marsiglia, capitale della cultura europea 2013, inaugurazione e guida Go Slow Green Marseille

Inauguration Marseille Provence 2013 (23)
Anche quest'anno sono due le capitali della cultura europea MarsigliaKošice in Slovacchia, l'interesse dei media si concentra su Marsiglia una città che durante il corso della sua storia ha alternato momenti fortunati e meno fortunati, negli ultimi anni ha saputo rinnovarsi e con questo evento punta ad avere un ruolo importante come destinazione turistica culturale in Europa.
Si è aperto sabato e domenica, con uno spettacolo di luci e colori sul porto, il programma Marsiglia Capitale della Cultura Europea, e preseguirà per tutto il corso dell'anno.

A dire vero non è tanto Marsiglia Provenza 2013 che cambia il volto della città perché il processo di cambiamento è iniziato già da molti anni, fiera la città di Marsiglia di quel misto unico dei suoi abitanti, francesi, italiani, ma sopratutto di popolazioni originarie delle ex colonie francesi, che negli anni sono affluite con regolarità. Questi si sono integrati nella città ma sono riusciti a dare anche il loro contributo nel dare alla città un nuovo volto, una nuova immagine, una nuova cultura.

Il rinnovamento si è reso possibile anche grazie ai collegamenti esterni, oggi Marsiglia si raggiunge da Parigi con 3 h di treno TGV, questo ha reso la destinazione più vicina a diverse città, il porto di Marsiglia è meta delle crociere più importanti del Mare Mediterraneo e inoltre ha un aeroporto con un numero di passeggeri secondo solo a Parigi.

MuCEM entre deux passerelles extérieur © Agence Rudy Ricciotti
MuCEM © Agence Rudy Ricciotti

MarsigliaProvenza 2013 Capitale della cultura europea porterà oltre 900 eventi, la città sarà arricchita dalla mostra fotografica di Koudelka (Vieille Charité), il nuovo MuCem, Museo delle culture dell'Europa e del Mediterraneo, a giugno invece verrà inaugurato sia il nuovo edificio pensato dall'architetto Rudy Ricciotti, accoglierà le collezioni del museo parigino delle Arti e tradizioni culturali, sia la Villa Mediterranee dell'architetto Stefano Boeri (CeReM), e per la fine dell'anno una retrospettiva dedicata a celebre archietto Le Corbusier.

CeReM Marseille
© CeReM Marseille

Ho preparato per voi la mia guida di Marsiglia, è una guida molto personale che intende segnalarvi quando vado io Marsiglia dove mangio, in quale mercato vado, quali negozi, le migliori pasticcerie, c'è tutta una Marsiglia eno gastronomica da scoprire, non tanto nella tradizione ma nel nuovo.
Il piatto tipico è la bouillabaisse, una particolare zuppa di pesce con zafferano, per la candelora invece sono le navettes la specialità tipica, sono un pane biscotto al sapore dei fiori d'arancio, ma oggi Marsiglia offre di più della cucina della leggerezza dei piatti di pesce e verdura serviti nei ristoranti di nuova cucina mediterranea, si può mangiare il migliore cous cous in Europa, non mancano le pasticcerie nuove dal profumo di pistacchio, acqua di fior d'arancio e mandorle, non a caso si possono mangiare i migliori macaron della Francia, dopo Parigi.

Grazie a © Murphymario13 per la condivisione del video

Arrivare a Marsiglia:
Treno: dall'Italia non è semplice per via del fatto che non c'è collegamento veloce, per esempio da Milano la linea a Milano Ventimiglia a Ventimiglia Nizza (5h), a Nizza il TGV Nizza-Marsiglia (2,5h). Il viaggio dura circa otto ore con tre cambi di treno 35 euro per Milano Nizza + 35 euro Nizza Marsiglia per un totale di 70 euro complessivi. Info: Trenitalia e Ferrovie Francesi SNCF
Autobus: Eurolines del gruppo Baltur ha diversi collegamenti in Bus da Milano partenza alle 10,40 arrivo alle 18,55 oppure la sera alle 21,00 arrivo alle 6,30 del mattino del giorno successivo 70 euro.
In auto : sono 516 km, ci vogliono circa 5,30h passando da Milano per Torino per il Frejus  sono 516 km circa anche se invece si passa per la Liguria sono circa 100 euro,
Aereo:  Milano Marsiglia  collegamenti con Air France e Alitalia da 87 euro a 141 euro a secondo della stagionalità, mentre i voli Air Corsica saranno disponibili sono a partire dal 31/03/2013.

I miei indirizzi di Marsiglia (la mappa ne contiene alcuni di più, qualche esempio)

L'Om Café, sul porto ideale per guardare il vai e vieni di persone
Patisserie Sylvain Depuichaffray, pasticceria creativa: 
Patisserie Saint Victor, i migliori macaron del sud della Francia 
Mina Kouk, cucina araba rielaborata con classe, cous cous, tajane di legumi, pastilla di pollo, prugne albicocche e mandorle.
Le café des épices, 4 Rue Lacydon, Ottimo rapporto qualità prezzo, scelta degli ingredienti a secondo della stagionalità, cotture brevi e moderne, formule a 25 euro. 
Le Grain de Sel, cucina d'autore, uno dei migliori bistrot di Marsiglia, dai risotti alla pasta, dal pesce alla carne, ristorazione moderna a mezzo giorno menù bistro a 17 euro, un buon rapporto qualità prezzo.
La Kahena, il miglior cous cous di Marsiglia.
Les Arcenaulx, 25 Cours Honoré d'Estienne d'Orves,Ristorante + libri antichi
Chez Fonfon, ristorante in una posizione incantevole un antico borgo marinaro, gestito da una famiglia d'origine sarda ma da tre generazioni a Marsiglia, Bouillabaisse zuppa di pesce con aglio e zafferano.
Michel-Brasserie des Catalans, il miglior ristorante per la Bouillabaisse anche tra i più cari della città.
Le Petit Nice Passedat, 3 stelle Michelin
Four des Navettes, le tipiche navettes , il pane dei pellegrini, con aroma di agrumi.
Chocolatière du Panier, cioccolato per autentici gourmand.
La Savonnerie Marseillaise, Il sapone tipico di Marsiglia.
La savonnerie du Licorne, tipica produzione di sapone locale. 
Mercato Place des Capucines, tutti i giorni da lunedi al sabato, chiudete gli occhi vi sembrerà di stare in un souk arabo.
Mercato di Cours Pierre Puget frutta e verdura da lunedi al Sabato.
Mercato del Pesce, a vieux port tutte le mattine
Au Vieux Panier, Bad and Breakfast nel quartiere storico du Panier da 90 euro.
Hotel Le Corbusier, albergo fuori dal centro in un edificio progettato dal celebre architetto.

Proposte alternative:
Marseille Greeter, Marsigliesi per un giorno marsigliesi per sempre
Couch Surfing, dormire ospitalità casalinga sul divano
Airbnb.fr, studio e appartamenti a Marsiglia
Covoiturage, andare a Marsiglia condividendo le spese d'auto


Visualizza Go Slow Green Marseille Provence 2013 in una mappa di dimensioni maggiori

Muoversi a Marsiglia: c'è una buona rete di Bus, Tram e Metro, un solo biglietto costa 1,50 euro, carnet 10 biglietti 12,50, Pass 24h 5 euro e Pass 72h 10,50 euro info: RTM, si possono scaricare anche le mappe dei tarsporti pubblici.

martedì 15 gennaio 2013

Alpe di Siusi: Sciare senza auto e maestro di sci per tutta la famiglia


In questo periodo si moltiplicano le proposte per le settimane bianche sulle Alpi, tra le offerte più interessanti c'è quella dell' Alpe di Siusi, la destinazione turistica di cui abbiamo più volte parlato per la possibilità che offre di lasciare l'auto ferma per tutta la vacanza, grazie ad un servizio pubblico efficiente di collegamento con i luoghi più interessanti che si può associare alla Mobil Card Alto Adige.
A questa possibilità la destinazione unisce dal 5 gennaio al 7 aprile, l’offerta ‘Maestro di sci per tutta la famiglia’, il pomeriggio un maestro di sci accompagnerà tutta la famiglia guidando mamme, papà e bambino alle mete panoramiche dello Sciliar e dell'Alpe di Siusi
L'offerta comprende oltre alla proposta del pernottamento anche 5 giorni di skipass Val Gardena/Alpe di Siusi con ben 175 km di piste a partire da 832 euro 
Per informazioni: tel. 0471.709600 - info@alpedisiusi.info 
Da segnalare dal 10/1 al 20/1 Banchetto Nuziale di Casterotto evento enogastronomico che ripropone il tipico banchetto nuziale. 

domenica 6 gennaio 2013

Movimento lento andare in Mongolfiera : Dolomiti Balloon Festival 2013 a Dobbiaco in Val Pusteria

Si svolge a Dobbiaco Toblach in Alto Adige dal 5 Gennaio 2013 al 13 Gennaio 2013 il Dolomiti Ballon Festival, cioè il Festival della Mongolfiera, un opportunità unica di vedere dall'alto il magnifico paesaggio delle Dolomiti con l'assoluto rispetto dell’ambiente, recentemente la mongolfiera “Dobbiaco-Alto Adige” è arrivata nelle case di molti italiani grazie alla fiction televisiva “Ad un passo dal cielo” con l’attore Terrence Hill.
Durante il Dolomiti Ballon Festival di Dobbiaco dal 5 a 13 di gennaio 2013 sarà possibile viaggiare con le mongolfiere e godere delle bellezze naturali delle Dolomiti Pusteresi da una postazione privilegiata, ricordate in mongolfiera si viaggia non si vola come ci tengono a dire i piloti, posso dire che la prima volta che ho preso la mongolfiera era molto ma molto dubbioso ma una volta provata rimane un esperienza indimenticabile, diversa  da tutte le altre, non è come andare in funivia non è come fare le vie ferrate o raggiungere la vetta di un monte e più come stare sul balcone di casa a chiacchierare con gli amici ed ammirare lo splendido panorama.

Si inizia sabato alle ore 19.30 con Warm-up-party al Giardinetto del Centro Culturale Grand Hotel Dobbiaco e alle ore 21.00 "Notte delle mongolfiere ", in seguito tutti i giorni alle ore 10,00 sono previsti del viaggi in mongolfiera ed eventi, il calendario sul sito Dolomiti Balloon Festival.

Dobbiaco è uno delle località più note e attrezzate del Consorzio Alta Val Pusteria dove è possibile unire al viaggio in Mongolfiera molte altre attività all'aria aperta , il gusto della discesa sulle piste di sci alpino, la piacevole pratica dello sci di fondo, escursioni guidate con le ciaspole, a Sesto c'è il primo fun park per fondisti per informazione sui soggiorni andare direttamente sul sito Alta Pusteria Info.
Ferrovia : Ricordo inoltre che tutte le  località del Consorzio Alta Val Pusteria inlcusa Dobbiaco sono raggiungibili in treno sulla Linea San Candido-Fortezza e con la Mobil Card Alto Adige info Orari autobus e treno
Info, news e foto  ©  del  Consorzio Alta Pusteria


martedì 1 gennaio 2013

Vacanze di Natale controvento: la Corsica Go Slow Green

Dicembre è il mese della Montagna, della neve, nonostante la spendig review molte destinazioni invernali sono già in tutto esaurito non di meno alcune isole caraibiche, io invece voglio invitarvi a una meta diversa, come un vero viaggiatore che va al contrario, andare in Corsica in inverno e senza automobile.
L'idea può sembrare assurda, non ci sono turisti in questa stagione mi dice la mia amica Sara, meglio gli rispondo! Invece i turisti ci sono in particolare molti turisti inglesi e tedeschi attirati dalla tranquillità, dalla dolcezza del clima e dai profumi della natura .

Autobus pubblici
Tutte le maggiori città, Bastia, Calvi, Ajaccio hanno degli ottimi servizi pubblici al costo di 1 euro. Ad Ajaccio il terminal degli autobus si trova sulla Quai Herminier, dal centro di Ajaccio, da qui ci si può recare nei paesi dei dintorni  come Propriano o Sartene oppure per delle piacevoli escursioni appena fuori citta verso  Pointe de la Parata per ammirare le iIles Sanguinaries, a ovest della città in meno di venti minuti. Info: Corsica Bus
Viaggiare in Treno
Il treno (Chemin de Fer Corse) dopo il bus non posso non provare il percorso in Treno, nonostante ci sia un solo binario, si può andare da Ajaccio a Bastia o Calvi la Corsica più che un isola è un continente il treno attraversa il magnifico paesaggio interno fatto di montagne innevate panorami mozzafiato tra mare e montagna, una buona idea per una sosta nelle località dell'interno come Bocognano e Corte.
Si consiglia di partire da Ajaccio la mattina dove avere visto la Maison Bonaparte, la Cattedrale Ste-Marie, fatto un salto alla Patisserie Galeani per i celebri bignè di Brocciu, e alla Maison du Fromage, il treno è pieno sopratutto di tanti studenti giovani che mettono molto allegria ai viaggiatori solitari.



Sul percorso del treno si possono scoprire i paesi slow come Bocognano, famosa per la produzione di prodotti tipici, tutti gli anni si tiene la famosa Fiera della Castagna,  sono rinomati i gateau di farina di castagne (Boulangerie U Fornu), le nocciole, il miele, i formaggi freschi locali, salsiccia di fegato di maiale (Mannei). 
Uno spirito slow unito alla spirito indipendentista lo troviamo nella deliziosa località di Corte. L'antica capitale della Corsica indipendente, dominato dalla sua cittadella, una vecchia fortezza a Nido d'Aquila. Nella  cittadina si respira l'anima e la cultura corsa è sede dell' Università Corsa, del Museu di a Corsica, sulle tradizioni culturali dell'Isola, Palazzu Naziunale, è una cittadina animata da qualche migliaio di studenti piena di caffè e bar lungo Cours Paoli dove vedere l'andirivieni di giovani spensierati, per lo shopping da segnalare una visita alla Boulangerie de la Gare, una delle migliore panetterie in Corsica e la Patisserie Casanova per la Falculella, un dolce tipico fatto con ricotta e/o farina di castagne cotta su foglie di castagno.

Noleggio
Si possono noleggiare biciclette o scooter alla scoperta dell'isola sulla strada nazionale N198, senza l'auto è tutto più lento ma non occorre andare veloci per sentire gli intensi profumi dell'isola che rende unico il viaggio sull'isola.

Arrivare in Corsica:
Corsica Ferries da Livorno e da Savona, Moby lines,
Visitare la Corsica in treno:
Chemins de Fer de la Corse Acquistare i biglietti alla stazione. Ajaccio-Bastia, circa 3 ore e 30 minuti, 21,6 € solo andata, Corte-Ajaccio, 2 ore, € 11,50 a tratta.
In autobus :
Eurocorse da Ajaccio per Propiano, Sartene, Ponte Vecchio, Bonifacio, Corte, Bastia
i biglietti per l'acquisto presso stazioni di autobus.  Ajaccio-Sartène, circa 2 ore, € 12.50 a tratta.
Soggiornando: potete scegliere delle belle e comode Chambre d'Hotes come i nostri Bed and breakfast, in alternativa sulla mappa trovare alberghi e strutture di charme.


Prodotti Tipici Corsi: 

Salumi : Figatellu, coppa, lonzu, prosciuttu.
Formaggi: brocciu Prodotti agricoli : clementino corso, castagna, Olio di Oliva
Pane e dolci Il pane cotto nel forno a legna fatto con lievito naturale, i dolci dal Fiadone ai dolci di castagne.
Vino: terra di grandi vini poco noti ma molto interessanti una guida su Vinealia.



Visualizza Corsica Go Slow Green in una mappa di dimensioni maggiori

NB:  1) il primo video è una canzone in dialetto corso "Sognu", il video unisce alle note della canzone delle belle immagini della Corsica.
2) Il video Corse Go Slow Green, è stato realizzato da me con fotografie alcune di France voyage.com che ringrazio per la collaborazione e la condivisione.