mercoledì 26 giugno 2013

Boerenmarkt in Noordermarkt, Amsterdam : il mercato biologico organic farmer market

Amsterdam d'oggi non ha nulla a che fare della Amsterdam degli anni '80, degli anni della liberalizzazione sessuale, del quartiere a luci rosse, della rivoluzione dell'orgoglio gay, dei coffe shop delle droghe leggere libere, l'immagine della città oggi si è modificata, i quartiere delle zone del centro sono stati ristrutturati e sono stati aperti, molti bar e nuove attività.
Amsterdam è la città ideale del movimento lento come Venezia, solo che ad Amsterdam con barche, biciclette, auto, tram e metro ci si muove molto bene, talmente bene che perfino i turisti noleggiano le biciclette per scoprire la città in modo inedito, una città tutta di piste ciclabili, anzi bisogna cercare di non camminarci sopra perché i ciclisti si arrabbiano molto.
Amsterdam una svolta anche culturale, i musei tra cui il Rijksmuseum aperto dopo 10 anni con una coda interminabile di persone, ho atteso io personalmente ben 2 ore per entrare nel Van Gogh Museum, se vi organizzate un soggiorno ad Amsterdam le visite ai musei vanno prenotate, chi l'avrebbe mai detto tanta gente ad Amsterdam per vedere i musei?
Amsterdam offre anche dei luoghi di tranquillità e di grande piacevolezza, se è sabato un salto vale la pena farlo al mercato biologico di Noodermarkt, nel quartiere del Jordaan, uscendo a destra della stazione si Amsterdam Centraal, simbolo della nuova Amsterdam, attenta all'ambiente e la qualità della vita.


Molti i prodotti provenienti dalle serre e dalla campagna circostante, in particolare frutta e verdura, marmellata, ma sopratutto formaggio olandese di tutti i tipi generi e invecchiamento, anche pesce e gli immancabili fiori che gli olandesi amano, ogni volta che fanno la spesa oltre ai generi alimentari comprano sempre dei fiori o delle piante, una consuetusine molto olandese.

Come un turista lento dovrebbe fare potete sedervi davati al Winken caffè, dove servono una delle migliori torta alle mele della città,  proprio sull'angolo della piazza per osservare il vai e vieni dei residenti al mercato se poi viene fame proprio di fianco c'è un fantastico Ristorante Noodwest, Noodermarkt 42 con un menu molto interessante con tante verdure e pesce, dalla cucina di grande professionalità dove al gusto olandese vengono abbinati diversi ingredienti provenienti dall'Italia, un abbinamento molto interessante.
Winken cafè, Noordermarkt 43, Tel +31 20 623 0223
Noordwest Restaurant, Noordermarkt 42 Tel +31 20 624

BB in zona Jiordaan.: 180 graden, studio bloemgracht, Eelhouse, (120-150 euro)


Visualizza Go Slow Green Amsterdam 2013 in una mappa di dimensioni maggiori

NB: Hotels, Bed and Breakfast, Ristoranti e negozi li trovate cliccando e allargando sulla mappa.

Andare ad Amsterdam in treno: il collegamento più velore 11 ore è con Parigi, Milano Parigi 6,00 -13,23 e poi Parigi Amsterdam 3 ore 14,15 - 17,41.  sulle 133 euro info Ferrovie Francesi, Ferrovie Tedesche 

Visto che ci sono anche un video del mercato


In Val Gardena, 13° Olimpiadi Sport per tutti



Dal 25 al 29 giugno in Val Gardena si svolgerà la 13° edizione delle Olimpiadi Sport per tutti. Quest' evento fa sia un passo indietro al vero significato delle olimpiadi, che non il numero di medaglie ma la voglia di stare insieme di confrontarsi e di divertirsi, e sia a nuovo significato delle Olimpiadi del'era moderna un forte stimolo al movimento fisico per la salute per i ragazzi senza età e alla conoscenza della natura e alla protezione dell'ambiente.
Queste Olimpiadi per tutti hanno un significato più alto e più ampio rispetto alle Olimpiadi del CIO ed una destinazione che in qualche modo può fornire un esempio di sviluppo e impatto ambientale.
Ci saranno rappresnetate 5.500 associazioni di 49 Paesi diversi si cimenteranno in Escursionismo, Nordic Walking, Ciclismo e Nuoto. 
Tutti gli spostamenti da una partenza all’altra potranno essere fatti con i mezzi pubblici (saranno potenziate le linee) tramitela Mobil Card Alto Adige settimanale oppure per i più sportivi a piedi; c'è un percorso a piedi che collega tutta la valle da entrambi i lati.
Ai ragazzi verrà data una bottiglia biodegradabile e in tutti i punti di ristoro ci saranno mele e prodotti senza involucro per evitare l’accumulo d’immondizie nel rispetto dell'ambiente.
Le Olimpiadi Sport per tutti, sono organizzate dalla Federazione Internazionale di Sport Popolare.

lunedì 24 giugno 2013

Vacanze su 2 ruote tra le montagne della Valle d'Aosta

Valgrisenche
Itinerari per i più sportivi e per gli amanti delle 2 ruote la Valle d'Aosta è una meta tra le più gradite in particolare per coloro che amano scalare le vette, tuttavia i percorsi regionali si adattano a tutte le possibilità dal nuovo appassionato, alla famiglia con bambini, ai veri e proprio professionisti della bicicletta in montagna dal Cross Country, Freeride, Downhill, Bici da corsa, Cicloturismo.
Si può fare il viaggio fai da te, prenotando direttamente una struttura specializzata e il noleggio della bike, oltre al sito istituzionale di turismo della Valle d'Aosta, c'è il sito Bike Hotels Valle d'Aosta dove troverete:
21 Bike Hotel, riparo delle bici, possibilità di manutenzione, itinerari, e i servizi alimentazione e lavanderia.
4 Bike parks La thuile, Pila, Cervinia, Monterosa
Bike safari un servizio che partendo da 15 località vi porterà direttamente dal luogo di villeggiatura sull'inizio delle piste ciclabili, un servizio su prenotazione 
4 maestri di mountain bike e bicicletta  a secondo delle vostre esigenze.
Mountain Bike 15
Per quelli che invece amano avere tutto pronto e organizzato ci sono diverse proposte tutto compreso come: 
- Il Tour del Monte Bianco in Cross Country tra Italia, Svizzera e Francia, include spostamenti e pernottamenti da 730 €
- Itinerari del gusto attraverso antichi sentieri tra vigneti e alberi da frutta con soste gourmand alla scoperta dei prodotti del territorio 6 giorni da  699 €
- Itinerario tra i castelli , un percorso di 30, 35 chilometri, passando tra la via franchigena e strade secondarie a partire da  110 €
Le strade della leggenda permette di trascorrere 1 settimana percorrendo ogni giorno le salite dei campioni del Giro d'Italia e del Tour de France. 7 notti in bike hotel, con colazione Sport Energy, 6 giornate con la guida e l’assistenza di un maestro di mountain bike a partire da 529 euro a persona.
Info e fonte foto e : Vda Turismo Valle d'Aosta

Fai Via Lattea in Lombardia

Il Fai è uno degli enti di cui tutto hanno il massimo rispetto, tuttavia quest'ultimo progetto Via Lattea che idealmente ma non praticamente collega i parchi sud di Milano come un percorso in bicicletta a pezzi è poco convincente, i percorsi deve essere continui, dobbiamo dire il vero, rispetto ai progetti originali e di grande valore proposti dal Fai, nel corso della storia, questo non brilla nè di originalità nè di grande respiro culturale, sorprende il fatto che sul sito si dice "ideato dalla Presidenza Regionale" e allora il Fai che c'entra? Ha prestato solo il marchio?
Per i comuni turisti sia italiani che stranieri, la Via Lattea si intende quel comprensorio sciistico, il più importante d'Europa che vede al centro la località di Sestriere non possiamo credere che il Fai, non conoscesse e che nessuno ne fosse a conoscenza nemmeno in Presidenza Regione Lombardia, che il loro nome era un nome già adoperato a livello turistico e conosciuto a livello internazionale, grazie alle Olimpiadi invernali di Torino.
Un percorso a puntate il primo Zibido San Giacomo- Rozzano, il secondo : Pizzichettone- Formigara inaugurato più recentemente, cosa dire? Il progetto mette insieme pezzi di progetti già noti delle Cascine e dei Parchi Sud di Milano, un percorso che non è continuo una sorta di collage dei parchi lombardi, peccato anche adoperare questo alimento cosi discutibile degli ultimi anni come il latte è un veleno?, Un alimento molto speculativo dell'industria alimentare, non sempre dalla parte dei consumatori.
Non ritrovo in questo progetto il Fai che io conoscevo capace di promuovere valori positivi nella società e ideare cose nuove e non già stra note fino allo spasimo, non mi piace parlare male del fai, ma questo progetto e decisamente poco strutturato accontenterà molto la politica e i responsabile dell'Expo 2015 che si sono assicurati un parter importante come il Fai, ma purtroppo credo che lascia delusi molti simpatizzanti e sponsor che non rinnoveranno la simpatia e il contributo. 
Tutto cambia anche il Fai, mai visto politicamente cosi schierato, sopratutto schierato cosi male, che delusione!

domenica 16 giugno 2013

Isole della lentezza: Cefalonia, Isole Ionie, Grecia

Dopo Lefkada, dopo Itaca, si chiude la serie dedicata alle isole Ionie con Cefalonia è l'isola ideale per salire a piedi sopra la cima della montagna del Monte Eno e guardare il panorama delle isole Ionie, sulla vetta si apre uno sguardo meraviglioso dai suoi 1620m. è uno dei punti più in alti dell'intera area geografica.
Il Monte Eno è parco nazionale dal 1962 a protezione della flora e della fauna, le foreste della montagna sono ricoperti da abeti celalonia che si trovano solamente in ques'isola.
Il punto a Nord è in effetti un isola nell'isola, la località di chiama Fiskardo, diventata negli ultimi anni molto alla moda, il panorama spazia sulle sublimi spiagge di Myrtos, il capoluogo Argostoli, Skala, Poros e infine Itaca, Cefalonia sembra la sorella gemella di Itaca, forse la sorella maggiore, separata solo da un canale.
L'Italia purtroppo fino a qualche anno fà, vedeva Cefalonia solo come una delle pagine più tristi della Seconda Guerra Mondiale raccontate ultimamente dal film "Il mandolino del capitano Corelli" e nella serie televisiva di rai uno Cefalonia, una strage che non ha mai visto colpevoli condannati, tutto serve per ricordare ma anche per voltare pagina. 


Tra i punti più belli dell'isola è la falesia di 300 metri che si butta nel mare turchese nella località di Myrtos, poco più in là l'incantevole porto di Assos su un istmo che conduce ad una penisola di un verde incredibile.
Argostoli il capoluogo è un centro molto vivace pieno di ristoranti e caffè, c'e inoltre il Museo Archeologico, la Korgialeneios Library una delle più ricche Biblioteche Greche con 55.000 volumi e una collezione d'icone bizantine, Napier garden, un giardino con la messa  dimore di alberi provenienti da altri paesi, il mercato di frutta e verdura e un ponte che collega le due sponde frutto del protettorato inglese.
Dove Dormire: Hotel Emelisse, Porto Fiscardo e Janet Art Pension (da 45 euro)
Dove Mangiare: Odysseas, sulla spiaggia d'Agia Ierousalim
Come Arrivare : dall'Italia in genere le compagnie di navigazione di fermano a Igoumenitsa, da dove poi partoni battelli per Cefalonia, durante il periodo estivo però diverse compagnia si fermano anche a Cefalonia, verificate facendo il biglietto, al momento non è dato precisarlo controllate sul sito Aferry.com




Info: VisitGreece

Info reportage turistico enogastronomico sul sito della nostra mitica blogger Chiara  la voglia matta diviso in più parti 1, 2, 3, 4 come dire se non vi ho convinto io con lei capitolerete!

Isole della lentezza: Amorgos
Isole della lentezza: Kithnos
Isole della lentezza: Skyros
Isole della lentezza: Zakynthos (Zante)

Isole della lentezza: Leucade (Lefkada)

Isole della lentezza: Itaca

giovedì 13 giugno 2013

Isole della lentezza: Itaca, Grecia Isole Ionie

Chi non conosce o non ha mai sentito nominare quest'isola? Credo veramente pochi, tuttavia non è mai divenuta una meta da turismo di massa, non possiamo che essere contenti perché ha permesso a Itaca di conservare il suo fascino misterioso e la sua bellezza.
Le parole dell' Odissea e del personaggio di Ulisse rieccheggiano nel vento che ti conduce sull'isola, ci sentiamo un po tutti Ulisse sulla barca che approda al porto, ma ad attenderci c'è un isola molto ospitale una vera vacanza alternativa senza stress nella calma del mare Ionio.
Il destino di Ulisse e il destino degli uomini di Itaca che ancora oggi, devono andare a caccia di fortuna nel mondo, il loro sogno è tornare a Itaca come Ulisse. Agricoltura e turismo solo le uniche attività economiche dell'isola e il turismo si è sviluppato solo negli ultimi anni.
Itaca è lunga 27 km e larga 6,5 km l'isola offre itinerari da fare a piedi o in bicicletta in mezzo alla natura tra alberi di ulivi, cipressi, pini, querce, corbezzoli e carrubi per gli amanti del mare non manca la possibilità d'immersioni subacquee e praticare kayak lungo le coste.
Per chi desidera prendere il sole non mancano le spiagge, dalla sabbia alla ghiaia come Lootsa, Filiatro, la più famosa spiaggia di Itaca, Sarakínniko, Dexa, Minnímata, Yidaki, Aetos, Aspros Yalos, Afáles, Kourvoólia.
Gli abitanti dell'isola sono solo 3.000 il centro principale e Vathi.

Si ringrazia © Jason 26367 per la condivisione del video
Isola ha una grande cultura gastronomica
Una cucina che attinge alle risorse locali, perchè una volta i rifornimenti di viveri dall'esterno arrivavano con difficoltà, ma in parte attinge alla cultura delle diverse occupazioni nel corso della storia dell'isola dai Miceni, Romani, Veneziani, Ottomani,  Francesi, per esempio la polenta e il Favoro Fish, del pesce preparato con aceto uvetta e rosmarino non possono non venire in mente le sarde in saor di Venezia, la torta di gamberi vengono in mente le torte salate francesi, i dolci la torta di fichi e in particolari il Rovani un dolce fatto con riso e miele, viene in mente l'impero Ottomano e la Turchia.
Come abbiamo visto per Leucade il sito istiuzionale Ithaki è un po' avaro d'informazioni, c'è invece un signore inglese che documenta molto bene l'isola ed è una miniera d'informazioni su Ithacorama.
Per alloggiare il mio consiglio è : Hotel-familia, un piccolo gioiello solo 7 stanze, un servizio accurato e personalizzato, per la colazione ogni giorno vengono sfornati dolci diversi, la maggior parte dei prodotti sono preparati dai gestori, prezzi a partire da 85 euro
Per raggiungere Itaca: non c'è un collegamento diretto dall'Italia, ci sono traghetti da Kefalonia (Sami) e Patrasso giornalmente, dall'Italia si può raggiungere prima Igoumenitsa e poi Kefalonia dai porti di Trieste, Venezia, Ancora, Brindisi oppure direttamnete Patrasso e poi Itaca, sono diverse le compagnie che vanno dalla Grimaldi alla Minoan.

Isole della lentezza : Amorgos
Isole della lentezza: Kithnos
Isole della lentezza: Skyros
Isole della lentezza: Zakynthos (Zante)

Isole della lentezza: Leucade (Lefkada)

martedì 11 giugno 2013

Isole della lentezza, le isole Ionie: Leucade (Lefkas, Lefkada), Grecia



Le isole Ionie sono la Grecia che ci somiglia di più, solo la Grecia più vicino all'Italia, sono state per molti secoli dominate da Venezia, l'influenza si sente ancora adesso. 
L'isola di Leucade è tra Cefalonia e Corfù, il suo nome in greco significa bianco, infatti tutta la costa ovest non è che una falesia di gesso immacolato che si butta dentro il mare, chilomentri di spiagge delimitate da un mare turchese come a Porto Kastiki, Gialos o Poros
Isola è un oasi di tranquillità oltre al centro Leucade ci sono solo piccoli villaggi, nell'isola vengono coltivate sopratutto lenticchie che sono tra le più rinomate della Grecia.
La fortuna vuole che a Leucade vive un italiano Giancarlo, che ha creato un ottimo sito informativo Made in Lefkas su come arrivare e cosa fare a Leucade, c'è tutto proprio tutto dai battelli per arrivarci dalle città di Ancona, Brindisi, Trieste, Venezia con www.superfast.com, www.ventouris.gr, www.agoudimos-lines.com, www.anek.gr, www.minoan.gr.
Ricordiamo che per arrivare a Leucade non ci sono collegamenti diretti bisogna arrivare a Igoumenitsa da qui partono battelli giornalieri per Leucade.
Isola inoltre è collegata con un ponte levatoio con la terra ferma.
Oltre ai consigli del sito di Made in Lefkas, ho trovato molto interessanti per alloggiare:
Pavezzo Country Retreat, nel villaggio di Katouna
Meli Tradition Housenel villaggio di Dragano
Per girare l'isola è bene affidarsi a un noleggio di un mezzo di locomozione a meno che non siate abili ciclisti o camminatori, va bene anche uno scooter.

I parere di due attive blogger Myricettarium Lefkada 2014 e Chiara la voglia matta Lefkada isola dei contrasti 1 Lefkada isola dei contrasti 2
Ringraziamenti: per il video Lekfata drcatalinilie e per il video  Lefkada Beaches (HD) Λευκάδα, ringrazio  jaromirhodan s per la condivisione



Post Correlati Isole Greche
Isole della lentezza : Amorgos
Isole della lentezza: Kithnos
Isole della lentezza: Skyros
Isole della lentezza: Zakynthos (Zante)

sabato 8 giugno 2013

Ritrovare l'energia interiore e l'equilibrio in vacanza in Val Gardena e Alsazia: Hotel Spa Adler Ortisei e Hotel Clairiere nel Parco Naturale dei Vosgi

Obiettivi di una vacanza sono tanti anche ritrovare la propria energia vitale oggi sempre di più strutture ricettive propongono soggiorno personalizzati con coach per offrire una vacanza che val al di là del riposo per essere un vero e proprio momento di crescita personale.
Un percorso che chi è capace può fare anche da sè, per quelli che invece necessitano un aiuto in più:,
Rilassarsi nella verde Val Gardena: Adler Dolomiti Val Gardena
Essere in Val Gardena è già un vantaggio dal punto di vista della rigenerazione fisica, la struttura offre un coach per ritrovare energia e l'armonia interiore: tecniche di Rilassamento guidato, Reiki, Yoga, Meditazione, Tecniche di Respirazione.
L'Hotel è nel centro del paese e offre escursioni  ed eventi per tutta la settimana, il ristorante dell'Hotel è considerato uno dei migliori dell'Alto Adige con menù attenti alla tradizione altoatesina ma anche a fornire una dieta sana e rivitalizzante.
Rilassarsi nello foresta in Alsazia: La Clairiere Bio e Spa Hotel
Siamo nel cuore del Parco Naturale Nord dei Vosgi in mezzo alla natura, un albergo ideato per un approccio olistico di benessere e cura della persona. Il ristorante privilegia un alimentazione energizzante con prodotti bio certificati.
La Clairiere offre dei corsi di yoga, dei programmi no stress, detox, weight balance con programmi individuali che prevedono Idroterapia, Meditazione, Qi gong, teniche di rillassamento in mezzo alla natura e consigli nutrizionali personalizzati.