mercoledì 31 luglio 2013

Sentieri a piedi nudi, turismo lento in Svizzera

Chi qualche volta non ha avuto il desiderio di camminare a piedi nudi? Sentire sensazioni attraverso i suoi piedi, il contatto con l'erba, il terreno, ritrovare quel movimento naturale del camminare, bagnare i piedi nelle acque di un ruscello, getti freddi, passi in acqua, un autentico sollievo.
La piacevolezza di camminare a piedi nudi in mezzo alla natura, un autentica rigenerazione, oggi non si può fare dappertutto, cosi qualcuno ha pensato di creare dei veri e propri percorsi per stimolare la rigenerazione fisica partendo dai nostri piedi.
Un percorso per camminare a piedi nudi non solo stimola i cinque sensi, ma aiuta anche a promuovere il turismo lento a basso impatto ambientale, sono circa ventimila i frequentatori in Svizzera, Austria e Germania dei sentieri da fare a piedi nudi.

Il dottor Kneipp fondatore dell'idroterapia, aveva ben capito i vantaggi che derivavano dalle terapie totalmente naturali, tanto da avere dato dei principi che oggi in tutto il mondo seguono, in particolare spesso si sente parlare di percorso Kneipp, sono percorsi fatti con diversi materiali  e con acqua a diverse temperatura al fine di stimolare il benessere partendo dai nostri piedi, stimolando i vasi sanguigni e il metabolismo, aiuta la vascolarizzazione della muscolatura avendo effetti depurativi e rilassanti su tutto il corpo.
Questi percorsi finora sono stati progettati all'interno di SPA o centri benessere, mentre oggi, sempre di più si moltiplicano i percorsi all'aperto, sicuramente la Svizzera è una delle nazione dove questi percorsi hanno riscosso molto successo, dove trovarli?
-Sörenberg, nel Svizzera Centrale, cantone di Lucerna, c'è il più bell'impianto per camminare a piedi, costruito solo con materiali locali è un alternarsi di camminate nell'acqua, percorsi a piedi scalzi e zone riposo, per maggiori informazioni.  www.fluehli-wasser.ch.
- Heiden, il Sentiero della salute, (Gesundheitsweg) siamo invece nella parte nord della Svizzera, nel cantone dell'Alpenzeller, un vero e proprio percorso della salute che unisce natura e medicina che tocca la località di Heiden, Kajen, Oberegg, nella località di Bad Unterrechstein, c'è il giardino delle piante officinali. Un percorso di 3,4 km con la vista sul lago di Costanza, Voralberg e Allgau.
Engelberg/Brunni, passeggiata sul Kitzelpfad Brunni un sentiero attorno al lago Härzlisee, vicino alla stazione a monte della seggiovia di Brunni offre sensazioni tutte particolari, da affrontare a piedi nudi attorno all'idilliaco lago Härzlisee, a 1.860m slm, è unico sentiero in alta montagna, anche se il tragitto è 220m mira a promuovere l'esperienza della natura e il benessere generale, diversi fondi, come sabbia, trucioli in legno, ghiaia, fango, acqua e provare le sensazioni che questo risveglia nel nostro corpo, dopo una camminata in montagna un vero paradiso per i piedi. info : Brunni.
- Göschenen è un comune del Canton Uri, l'esperienza del cammini a piedi è una delle escursioni più importanti del "il mondo delle acque" di Göschenen, si cammina fuori e dentro dai torrenti alla vista del ghiacciai alpini info: Wasserwelten Göschenen
Blitzingen, nel cantone del Vallese, nel comprensorio turistico Obergoms, c'è uno dei percorsi Kneipp naturali più lunghi della Svizzera. Passeggiare tra i prati in fiore, camminare a piedi nudi nell'acqua fredda dei ruscelli di montagna - è un'esperienza salubre e al contempo istruttiva: riconcilia corpo ed anima con la natura  vi dona una sferzata di energia e di freschezza nei caldi giorni estivi.
- Rebeulevier, nel cantone di Jura, all'interno del parco Adventure Jura Park, c'è un percorso da fare a piedi molto interessante seguendo il metodo Kneipp, il parco è accessibile dall stazione ferroviaria di Delemond, si prende il postale per Choindez scendere alla fermata La Verrerie. Info: Sentiers Piedes Nus.
Tutte le località sono accessibili in modalità mobilità ecosostenibile, treno più postale, questa particolare attenzione la rende un attività ancora più simpatica.

Le uniche esperienza italiane in Alto Adige sentieri a piedi nudi:
In Alto Adige in Val Racines, Dal maso Pulvererhof si cammina in direzione di Vallettina fino al sentiero a piedi scalzi lungo 400 m. Qui è possibile camminare a piedi nudi nella natura sperimentando tutte le sensazioni che suscita il venire a contatto con materiali differenti come l‘erba, la sabbia, la ghiaia, il marmo di Racines, diversi tipi di legno e naturalmente il sottobosco in tutti i suoi aspetti. Un divertimento per tutta la famiglia.
A Ortisei, in Val Gardena, sentiero Val d'Anna, percorso dalle acque fresche che scendono direttamente dal Seceda.


martedì 30 luglio 2013

Monti Sibillini a dorso d'asino tra Cessapalombo e Pievebogliana

È stata inaugurata l'asinovia dei Monti Sibillini, un  percorso da fare rigorosamente a dorso d'asino tra i comuni di Cessapalombo a Pievebogliana. È questo il primo esempio in Italia di un percorso organizzato. La tracciatura del percorso è stata fatta per essere utilizzato anche per altre attività all'aria aperta come trekking, il nordic walking e la mountain bike. Si tratta di un percorso lungo ben 16 km a più di mille metri d'altezza, in cui l'asino vuole essere testimonial di un territorio e della promozione del turismo.
Un territorio che dal mio punto di vista andrebbe valorizzato anche per altre cose, Siamo all'interno dei Parco dei Monti Sibillini, ricco di Fauna come caprioli, volpi e poiane anche Flora mediterranea come  carpini, roverelle, ornelli, faggi e lecci ed arbusti come il ginepro e la ginestra. Non è raro nella zona vedere allo stato brado bovini di razza marchigiana, in estate per l'alpeggio.
Inoltre la zona è famosa per il tartufo nero, i funghi, il vino cotto, ciauscolo (salame tipico) e cece (una varietà autctona di legume) .
La zona offre più attrattive di quello che si possa pensare ha un ricco partrimonio storico e architettonico oltre che naturalistico.
In negativo ci sono i collegamenti, le stazioni ferroviarie sono  un po' distanti la più vicino è Tolentino dove gli autobus dell Contram collegano con Cessapalombo in 40 minuti, collegamenti anche con l'Umbria con Umbria Mobilità.
Info: Provincia di Macerata Turismo



Visualizza Asinovia Cessapalombo Pievebogliana in una mappa di dimensioni maggiori



mercoledì 24 luglio 2013

Alpe di Siusi : Silenzi d'Alpe, vacanze nel silenzio e nella quiete senz'auto.

Silenzi d'Alpe è uno degli eventi a cui tengo di più, è stato il primo evento in Italia che ha lanciato le camminate in compagnia con medici, psicologi, storici, filosofi, esperti di flora e fauna che poi tutti hanno cercato d'imitare, ma non si può imitare il magnificio scenario che fa da sfondo all'evento, che è il vero successo.
Il programma dell'evento Silenzi d'Alpe, che si svolge dal 18 luglio al 6 agosto, prevede, seminari filosofici, musica e trekking , il tema scelto quest'anno è: il dono.
Tra gli incontri più interesanti, per giovedì 25 luglio visitatori ed escursionisti si muoveranno verso i Denti di Terrarossa, a 2.600 m di altitudine, per osservare i colori caldi del tramonto al Rifugio Alpe di Tires e fare ritorno alle luci dell'alba.

Alpe di Siusi non è solo l'evento Silenzi d'alpe, ma anche alberghi del silenzio, presso Siusi si trova Schloss Hotel Mirabell, uno degli alberghi storici della catena Relais du Silence, frequentato un tempo dall'aristocrazia russa, una vera oasi di pace e di piacevolezza, con tanto di centro benessere, dove il silenzio è un valore aggiunto.
Ricordiamo che l'accesso all'Alpe di Siusi è regolato e non possono circolare auto se non dei residenti, tra i vari percorsi se tenete la strada principale che dal Parcheggio Compaccio porta a Saltria, consiglio è di fermarsi per uno spuntino sull'alpe alla Malga Rauch Hutte, da cui si gode il magnifico panorama del Sassolungo e Sassopiatto, i proprietari sono due persone molto giovani e sportive. 

Ricordo che grazie al programma vacanze senza auto, c'è un servizio di Shuttlebus che collega i paesi di Castelrotto, Fiè e Siusi allo Sciliar e tutte le loro frazioni. Inoltre, turisti e locali possono raggiungere comodamente l’Alpe di Siusi utilizzando la cabinovia o il servizio di bus navetta, che collegano direttamente Siusi all’Alpe di Siusi, la cui strada d’accesso è chiusa al traffico individuale, sull'alpe invece a piedi o cavallo o in bicicleta ogniuno alla sua velocità.

Info : Silenzi d'Alpe, Alpe di Siusi Info,

Cornamuse sull' Alpe di Siusi risersa sopratutto tante sorprese non sono quella della flora e della fauna come avvistare un aquila ma può capitare d'imbattersi in un gruppo di turisti scozzesi che presi dall'emozione e dalla gioia si mettono a suonare una cornamusa.
Gli ho filmati perchè altrimenti non mi avreste creduto.

martedì 23 luglio 2013

Luoghi dell' ospitalità : Casa degli orti, Riofreddo di Murialdo (SV)


Casa con orto è questa l'originalità di questo nuova ospitalità in Liguria. Una casa per il tempo libero e il relax, sullo sfondo del verde delle Alpi liguri a pochi chilometri dalla costa ligure di Finale Ligure, Borgo Verezzi e Pietra Ligure.
Della Liguria tutti conosco le spiagge e il mare ma la Liguria può rivelare un aspetto inedito montagne ricche di specie botaniche come l’endemico Zafferano ligure, la Senape montana, il Caprifoglio nero, la Camomilla montana, il Giglio rosso ligure, la Bocca di leone selvatica, nei boschi troviamo il  Merlo acquaiolo, il Picchio nero, l’Astore e il Biancone, ed anche Cinghiali, i Caprioli, i Tassi
La Casa degli orti è un luogo di relax, una vacanza di riposo e di meditazione dove potere leggere, passeggiare lungo i sentieri che attraversano i castagneti e la faggeta, per i più attivi si possono praticare attività all'aperto per stare in contatto con la natura come lunghe passeggiate a piedi, cavalcate e percorrere il territorio in bicicletta o in mountain bike.
Siamo nella zona dell' Alta Val Bormida di Millesimo, una terra di confine tra Liguria e Piemonte, la località di Riofreddo di Murialdo fa parte del territorio di produzione della “Castagna essiccata nei tecci di Calizzano e Murialdo”, oggi presidio Slow Food.
La zona si collega tramite il colle dei Giovetti, in circa 35 minuti, in Valle Tanaro; invece da Ormea, attraverso il Colle di Nava, si può raggiungere l’entroterra d’Imperia, un museo a cielo aperto della civiltà contadina dell’ulivo, fatta di piccoli borghi autentici meta ideale per gli amanti della cultura locale e della fotografia. 
L'Orto è a disposizione degli ospiti per raccogliere i frutti che la stagione offre.
Ricordo inoltre che i paesi di Bardineto e Calizzano sono famosi per i funghi un appuntamneto da non mancare è il secondo sabato del mese a Cairo Montenotte. il mercato della terra, con solo produttori locali, queste ed altre notizie le trovare sul sito.
Info: La Casa degli Orti, Località Riofreddo di Murialdo (Sv),  lacasadegliorti@gmail.com

martedì 16 luglio 2013

Estate 2013 novità a Nizza, Go Slow Green Nice : spiagge senza tabacco, un ètè pour Matisse

Come avete notato questo blog segue le località come il caso di Nizza una delle mete estere preferite dai turisti italiani, che offre una varietà d'attività da potere fare in vacanza in modo green. Per l'estate 2013 ci sono tante novità interessanti.
Spiagge Sensa Tabacco.
Nizza è stata la prima città ad avere una spiaggia attrezzata dedicata ai portatori  di handicap, già l'anno scorso timidamente si era accennato alla prima spiaggia senza tabacco, quest'anno è divenuta una bella realtà estesa a più spiagge, trovo che vietare il fumare in spiaggia sia un atto di civiltà oltre che di salute.
ID bus:dall'Italia in Francia
Purtroppo ho documentato molto bene la situazione triste ferroviaria per arrivare a Nizza dall'Italia, voluta da Trenitalia, che ha tolto treni diretti e coincidenze, con la complicità della Regione Liguria, interessata più a guadagnare con i passaggi dell'autostrada, cosi le Ferrovie Francesi data la forte richiesta hanno deciso di istituire la linea dei pullman che collegano le maggiori città italiane con Nizza, da Milano, Genova e Torino. Sono state istituite anche altre nuove linee come Aix en Provence-Milano e la  Marsiglia-Milano
Nuovi ristoranti a Nizza, piccoli indirizzi di qualità:
Nizza è anche una meta gourmand, prodotti che arrivano da tutta la Provenza e si abbinano con i frutti di mare e il pesce, da segnalare queste nuove aperture:
Le Sejour Cafè 11 rue Grimaldi Tel. +33 (0)4 93 27 37 84
Marina Gaille, figlia d'arte, ci mette tutto il suo impegno e professionalità in questo ristorante, una grande padrona di casa, parla molto bene italiano,  ha trasformato questo ristorante come un salotto in cui stare in modo piacevole. Con la collaborazione dello chef Thomas Prod’homme propone una cucina molto bene eseguita di carne ma molto di mare: Fois gras de Canard de la Maison, Gamberi marinati con asparagi e arancia, Risotto alle capesante, Filetto di Cabillaud con piselli, fave e pancetta, una Tarte au Citron rivisitata, completa il menù l'ottima selezione della carta dei vini.


L'ecole de Nice, 16 rue de la Buffe. Tel. +33 (0) 4 93 81 39 30
Terzo ristorante dello chef giapponese Keisuke Matsushima a Nizza, il suo nome è una sicurezza, questa volta si mette alla prova con un bistrot e la cucina del territorio, bignè di sardine, ripieni di verdure, risotto di funghi, sgombro arrosto, cucina del mercato, il bistrot è molto piccolo ma con un ottimo rapporto qualità prezzo, su facebook
Pastry Plaisire, 11 rue Delille Tel. +33 (0) 4 93 87 92 32
Fuori dall'area della Nizza vecchia ma vicino al Teatro e Museo d'arte moderna, ha optato per la formula ristorante sala da tè, il menù cambia tutti mesi, un ottimo rapporto qualità prezzo a mezzogiorno formula a 15,50 piatto e dessert, propone una rivisitazione del pane bagnato, gazpacho, carni, focacce fatte in casa, Nel pomeriggio tè inglesi serviti con dolci e salati a 20 euro, team giovane ma con un buon potenziale di crescita su Facebook.

Piccola novità anche per gli alberghi da segnalare:
Nice Garden Hotel,11 Rue du Congrès Tel. +33 (0) 4.93.87.35.62
Piccolo hotel di charme in posizione centrale, vicino all'area pedonale e a pochi metri dal mare, con un magnifico giardino per la prima colazione, doppia da 85 a 115 euro, più che un hotel e una casa per ospiti con una buona e cordiale accoglienza.
Moma Nice, 5 avenue des Mousquetaires, Chambre d'Hotes, lontano dal centro vicino alla fermata del tram Valrose Universitè, un arredamento molto originale.
Mostre e arte a Nizza
Turismo lento non è solo gourmand e relax in spiaggia ma anche arricchimento dell'anima, l'Estate 2013 a Nizza è dedicata a Matisse "Un ètè pour Matisse" dal 21 Giugno a 23 Settembre 8 esposizioni che coivolge i principali musei di Nizza dal Museo Matisse al Teatro della fotografia, al Museo d'Arte Moderna.
Le dojo, uno spazio per artisti giovani e talentuosi

Questi indirizzi sono stati aggiunti al post dello scorso anno


Visualizza Go Slow Green Nizza in una mappa di dimensioni maggiori


Post: correlati: 



giovedì 11 luglio 2013

Ricette Vegetariane in Alto Adige, nelle Gasthaus del Sudtirolo, una Fresca Estate con piatti vegetariani

Un iniziativa molto interessante dell'associazione delle tipiche Gasthaus le locande tipiche del Sudtirolo: Fresca Estate con  piatti e ricette vegetariane fino al 28 Luglio. Alto Adige è noto per la sua cultura gastronomica, più conosciuta per i piatti di carne a dire il vero, ma ha invece anche una grande varietà di piatti dove le verdure sono protagoniste della tavola.
Negli ultimi anni aumenta sempre di più il numero dei vegetariani, tanto che un italiano su dieci è vegetariano e tanti ospiti sono flexiani, questo ha portato a riscoprire nel menù di ristorazione tipica le verdure e in generale tutti quei prodotti e ricette che può apprezzare chi segue una dieta vegetariana .
Un iniziativa che non nasce per caso l'Alto Adige ha un ottima produzione locale di frutta e verdura, dove non mancano i produttori bio che si impegnano in produzione a basso impatto ambientale, non è raro imbattersi durante la vacanze in mercati del contadino locali e bio.
Sono ben 25 le locande sudtirolesi tipiche con la caratteristica di utilizzare i prodotti del territorio, ho dovuto selezionare 5 per fare qualche esempio ma li avrei messi tutti: 
Ristorante Fink a Bressanone propone: Tortino di cavolo e cavolfiore con salsa al basilico, Gulasch di patate con fagiolini freschi e insalata di cappuccio, Dolce strapazzato di ricotta e grano saraceno con lamponi freschi
Albergo Ristorante Zurm Turm a Castelrotto Alpe di Siusi propone: Gnocchi di patate con radicchio e formaggio di montagna di Sesto, Croccante piatto d'insalate con formaggio di capra alla piastra, Semifreddo alla fragola su gelatina alla menta.
Albergo Ristorante Jagerhof in San leonardo in Val Passiria propone: Canederli di grano saraceno su insalata di cappuccio con cumino, Spezzettato di uova, formaggio e patate con piatto d'insalata mista, Tramezzini impanati al formaggio di capra della Val Passiria su pomodori stufati e spinaci.
Gasthof St Nikolaus in Malles in Val Venosta propone Formaggio fresco di Lagundo con rucola, punte di radicchio ed erbe aromatiche fresche, Crema di patate con funghi porcini e crescione fresco, Orzotto con farro e verdure miste, erbe aromatiche e formaggio di montagna a lamelle.
Hotel Gassenwirt a Kiens, vicino Brunico in Val Pusteria nella zona di Plan de Corones propone: Tagliolini di Kamut con lenticchie beluga nere, pomodori e pesto di erbe aromatiche di campo, Fettina di sedano rapa con pepe verde in salsa saporita al Lagrein su patate della Val Pusteria arrostite, Tris alle fragole dell'Alto Adige con germogli di pino freschi.
Un esempio di come si può fare ristorazione di qualità e cucina vegetariana anche durante le vacanze un attenzione verso i viaggiatori che andranno in Alto Adige per qualche momento di relax.
Info, per saperne di più: Sudtiroler Gasthaus,

martedì 9 luglio 2013

Con la Liguria in treno, l'albergo ti rimborsa il viaggio

Partita alla fine di giugno, questa nuova iniziativa per incentivare la vacanza in Liguria, i dati dello scorso anno non sono stati molto positivi, pesa molto il trasporto, la mancanza della gestione dei flussi di traffico e la mancanza di un piano di mobilità, l'autostrada frequente mente intasata, i collegamenti ferroviari hanno lacune fin troppo evidenti. 
Attualmente il programma prevede come indicato sul sito Liguria in treno
1) Rimborso del 20% dell’importo (fino ad un massimo di 20 euro a persona) del biglietto per soggiorni con una permanenza minima di 2 notti nei fine settimana.
2) Rimborso fino a un massimo di 50 Euro a persona (40 euro nel caso di soggiorni in residence o con modalità B&B) del prezzo del biglietto Trenitalia di andata con destinazione una delle località oggetto dell’accordo , per un soggiorno di almeno una settimana in mezza pensione o pensione completa;
3) Rimborso del biglietto fino a un massimo di 100 Euro a persona del biglietto di andata e di ritorno per la località che hai scelto in caso di un soggiorno di almeno due settimane in mezza pensione o pensione completa.
Il rimborso del viaggio o parte del rimborso del viaggio in tempo di crisi è una bella iniziativa per i turisti alle prese nel fare quadrare i conti, però bisogna uscire dalla logica del semplice rimborso ma fare in modo che l'iniziativa serva per migliorare la rete di trasporto locale, arrivare in treno ma poi dalla stazione all'albergo come ci arrivo? Come mi muovo durante il soggiorno? Bisogna dare la possibilità di una mobilità locale efficiente e frequente, altrimenti rischia di essere un offerta controproducente dal punto di vista dell'immagine turistica.
L'offerta è più adatta a località dove il treno ferma, estate si ma anche autunno, a partecipare all'iniziativa non sono tutti gli alberghi ma solo alcuni che sono sul sito, ad essere interessati all'iniziativa sembrano più gli alberghi della provincia di Imperia (+ 50 alberghi da scegliere tra Sanremo, Diano Marina, Bordighera) che la provincia di La Spezia ( solo uno). Ricordate che l'offerta va dal 28 giugno al 31 dicembre 2013, un modo per godersi la Liguria arrivando in modo Green come piace a molti di noi.

mercoledì 3 luglio 2013

Cene romane, le cene tipiche a casa dei romani

Un'iniziativa molto interessante della città di Roma, l'offerta di ristoranti non manca nella città ma lasciano spesso i turisti più esigenti molto delusi, piatto tutti uguali a volte senza sapore che imitano la tradizione della cucina romana ma non il sapore, allora come provare una cena tipica romana?
Farsi invitare a casa di una signora romana non è cosi facile se non conosci nessuno invece questa bella iniziativa che ha fatto aprire le porte di casa ai romani e ha permesso di condividere con i turisti la cena con un menù tipico tradizionale all'insegna della semplicità e dell'accoglienza, ma sopratutto un modo diretto per conoscere le tradizioni gastronomiche.
Per questo è nato un sito che mette in comunicazione turisti e residenti, si sceglie la casa e il  menù proposto sui 35 euro.
Un iniziativa che mi piace molto, quando questo inverno sono andato in Corsica volevo sapere come si faceva il fiadone corso, perchè quello che si compra non era come quello che io conoscevo, io non volevo sapere come lo si faceva sui libri ma come lo si faceva a casa, così ho fermato una persona per strada  e l'ho chiesto, la signora dopo un primo smarrimento, ha capito che la mia curiosità era sincera e oltre a indicarmi la ricetta mi ha invitato a casa a mangiare con il marito e i figli e ho passato una bellissima serata da un incontro casuale è nata un amicizia.
Trovo che sia interessante questo iniziativa, almeno non dovrò più fermare la gente per strada, scusi ma lei come li fà i carciofi alla giudia ? 



Go Slow Green Roma


Visualizza Go Slow Green Roma in una mappa di dimensioni maggiori

Ps: sono in viaggio quando il post verrà pubblicato, torno presto